LORENZINI: «LA NOSTRA È UNA BATTAGLIA PER LA LEGALITÀ»

Mauro Lorenzini, Sindaco di Montemurlo
Mauro Lorenzini, Sindaco di Montemurlo

MONTEMURLO-QUARRATA. Il sindaco Lorenzini, all’indomani delle sue dichiarazioni su alcuni mobilieri senza scrupoli di Quarrata che fanno produrre divani a basso costo a Montemurlo e la conseguente replica del sindaco Mazzanti, ritorna sulla vicenda:

“Con le mie dichiarazioni non volevo certo colpire tutto il distretto del mobile, ma solo quella parte d’imprenditori scorretti, che usano la manodopera cinese a basso costo per fare profitto, in barba a qualsiasi legge sulla sicurezza e alla tutela dei lavoratori. La nostra denuncia verso questi mobilieri è una battaglia per la legalità, che serve anche per tutelare la parte sana del distretto del mobile di Quarrata, che rappresenta un’indubbia eccellenza sul territorio.

“Capisco che Mazzanti si possa sentire colpito dalle mie dichiarazioni, ma di fronte all’illegalità penso che qualsiasi sindaco si dovrebbe indignare con forza. D’altronde noi siamo stati eletti dai cittadini per rappresentarli e per far rispettare le leggi dello Stato e Montemurlo, in questo senso, è impegnato da anni in controlli capillari sul territorio. Dal 2009 ad oggi la nostra Polizia municipale ha controllato 240 aziende cinesi, ha sequestrato 150 immobili e quasi 5mila macchinari. Il sindaco di Quarrata non può certo dire che abbiamo permesso all’illegalità di mettere radici a Montemurlo”.

La fabbrica di Oste distrutta dalle fiamme
La fabbrica di Oste distrutta dalle fiamme

E poi Lorenzini continua: “Il problema dei mobilieri che vengono a Montemurlo a farsi fare prodotti a basso costo dai cinesi esiste ed è inutile negarlo. Ma c’è un’altra questione ben più grave ed è quella della mancanza leggi davvero incisive contro l’illegalità. Leggi che, ad esempio, obblighino i committenti ad accertare la regolarità delle ditte a cui affidano i lavori e che colpiscano i proprietari dei capannoni.

“Non si può sequestrare un’immobile per ben due volte in meno di due anni e dentro ritrovare la stessa attività illegale che avevamo già sanzionato. Basta chiudere gli occhi, mettiamoci insieme, caro Mazzanti, in questa battaglia. La legalità aiuta a sopravvivere le moltissime aziende sane di Montemurlo, ma anche i tuoi mobilifici di qualità, che proprio tra pochi mesi porteranno all’Expo di Milano l’eccellenza delle competenze artigianali e del design made in Italy”.

[facebook lorenzini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento