L’OSPEDALE PACINI OGGI COME ALLA FINE DELL’OTTOCENTO

C'era una volta la Montagna
C’era una volta la Montagna

MONTAGNA PISTOIESE. L’Ospedale Pacini presso S. Marcello fu costruito nel 1850 dall’Ing. Giuseppe Micheloni di Firenze. Nel 1923 è stato ampliato e riordinato, con la sistemazione del 2° piano dell’edificio per uso di infermerie, sotto la direzione dell’Ing. Comm. Giusto Puccini. L’Ospedale risponde pienamente allo scopo. Ha una capacità per circa 60 letti; una sala operatoria completamente provvista di strumenti chirurgici; un buon corredo di camere a pagamento; e servizi generali molto bene organizzati. Il servizio di assistenza è presieduto dal valente Chirurgo Dott. Roberto Rebizzi.
Ha un ambulatorio esterno e una pubblica Farmacia.
Il nostro Ospedale costituisce un vanto per la Montagna Pistoiese soprattutto per come è tenuto e come funziona in tutti i suoi servizi, poi per la bellezza e la salubrità dei locali che rappresentano quanto di meglio e di più moderno sia desiderabile per un istituto di cura.
[da: La Montagna Pistoiese, XXI giugno MCMXXVI, Pubblicazione a cura del Comitato per i festeggiamenti inaugurali della Ferrovia Elettrica Pracchia-S. Marcello-Mammiano]

Nel 1923 l’Ospedale Pacini di San Marcello poteva contare di ben 60 posti letto e una sala operatoria funzionante. Nel 2013, dopo novanta anni e dopo il “potenziamento” dell’Asl 3, l’Ospedale ha solo 20 posti letto e un ambulatori al posto della chirurgia. Le lancette dell’orologio sono state spostate indietro di un secolo e oggi abbiamo una situazione da fine 800.

[facebook c’era una volta la montagna]

SU FACEBOOK:

 https://www.facebook.com/lineefuture

SU TWITTER:

 https://twitter.com/LineeFuture

PER COMMENTARE:

 http://linealibera.info/come-registrarsi-su-linee-future/

OPPURE SCARICA:

 Registrarsi su «Linee Future»

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento