L’ULTIMO SORRISO DI TOMASO

Tomaso Azara
Tomaso Azara

QUARRATA. Avrebbe compiuto 50 anni il prossimo 5 aprile Tomaso Azara. Se ne è andato improvvisamente ieri mattina alle 8,25 poco dopo avere varcato la porta di casa dove viveva con la madre Gilda. Da poco uscito per andare al lavoro non si è sentito bene e quindi ha preferito tornare indietro. Una fitta al cuore tanto violenta, fulminante. A nulla sono valsi i primi soccorsi portati dai volontari della Misericordia e dal medico del 118 che hanno cercato di rianimarlo. Invano. La morte per arresto cardiaco è stata istantanea. Per Quarrata un fulmine a ciel sereno.

Tommy era un musicista-compositore e pure un deejay, curioso, in continua ricerca e amante della sperimentazione noto nell’ambiente culturale e nel mondo della musica. Dal nulla si era creato uno “studio”, una “stanza della musica” allestita in stile vintage dove amava ospitare amici e comporre musica. A livello locale numerose sono state le collaborazioni offerte ad associazioni e enti del territorio dove ha portato il suo contributo professionale e umano.

Tomaso con i suoi strumenti
Tomaso con i suoi strumenti

Bella persona, sorridente, piena di energia – così lo ricordano tanti amici oggi increduli di fronte ad una morte così improvvisa e inaspettata – Tomaso aveva iniziato la sua carriera (anche lui dietro la spinta propositiva del compianto Stefano Lomi e del suo Pentagramma) – a metà degli anni Ottanta suonando il basso. Prima di allora era un “semplice appassionato di musica ma non suonava alcun strumento. Nel 1987 era entrato nei “Glomming Geek” con cui ha suonato fino al 1992. Con loro ha girato l’Italia in concerto realizzando due album e un singolo. Quindi ha preso parte del gruppo “Cosmic Woop Domain” con cui è arrivato in finale all’Arezzo Wave nel 1998. Ha fatto poi parte anche della band pratese ”Mitici Gorgi” con cui ha partecipato a vari contest. Recente è la sua collaborazione stretta con i Davoli con i quali è tornato a suonare il basso e con cui ha inciso il disco “Greatest Hits” mentre risale all’estate scorsa il lavoro fatto insieme al gruppo dei Sus dove ha realizzato un remix del pezzo “La cura”.

Dal 2000 ha canalizzato le sue energie musicali realizzando brani per installazioni artistiche, performance e colonne sonore. Di lui ricordiamo la collaborazione offerta all’associazione Pozzo di Giacobbe, centro giovani Al Kalè, Circolo della Musica per l’organizzazione del “Music Up” di cui era uno dei giurati fissi, la collaborazione con l’associazione culturale “Cervelli in Tempesta” di cui ha curato la Direzione musicale e la fonica in alcuni spettacoli ed altri.

Da qualche anno Azara collaborava con Patrizia Cartei per un progetto di Multiversodanza

“… la notizia mi è arrivata solo da pochi minuti, ma il dolore è grande. Ho avuto il piacere di conoscere Tomaso – scrive Patrizia Cartei – molti anni fa, non ricordo più quando, e subito mi era apparso come una persona ricca: ricca di vita, di speranza, di amore per il prossimo, di progetti e di musica. Avevamo lavorato insieme al cortometraggio che ho realizzato qualche anno fa e stavamo lavorando sul nuovo progetto proprio in questi giorni: aver saputo della sua morte oggi è stato un vero dolore per me. Quando ci incontravamo si parlava di fare sempre qualcosa, costruire un mondo diverso fatto di sincerità, impegno e cultura. Ragionava come un “uomo nuovo”, un “uomo del rinascimento” e voleva muovere il mondo nella direzione giusta e con impegno, sempre attento agli altri con un cuore grande e generoso. Impegnato su tanti fronti era un esempio di integrità morale come pochi se ne trovano. Sapeva che lo stimavo moltissimo e questo mi rende meno triste, perché questi elogi glieli ho sempre fatti e non ho da dire cose che lui non sapesse dalla mia stessa voce. Stavamo lavorando al nuovo cortometraggio e con l’aiuto e la disponibilità della famiglia vorremmo continuare a lavorarci proprio con le sue musiche e a lui dedicarlo tutto! “

I diavoli di Tomaso
I diavoli di Tomaso

Multiversodanza ricorderà Tomaso con il suo lavoro di musicista: per questa settimana nella sede della scuola dalle 17 alle 21 proietteremo il cortometraggio “Al di là del mare”.

I funerali si terranno mercoledì 2 aprile alle ore 9,30 partendo dalle Cappelle del Commiato della Misericordia di Pistoia (dove la salma è esposta) per la Chiesa di Santallemura dove alle ore 10 saranno celebrate le esequie. Di seguito proseguirà per il Cimitero della Misericordia di Pistoia. Tomaso da poco tempo aveva perso anche il fratello Patrizio. Alla famiglia (Tomaso oltra alla madre aveva anche un fratello) le più sentite condoglianze da parte della nostra redazione.

Trailer del cortometraggio realizzato con musiche di Tomaso Azara:

andreaballi@linealibera.info

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “L’ULTIMO SORRISO DI TOMASO

  1. ieri sera sono andato a trovare tomaso per l’ultima volta… c’era una tristezza indecente, e lui invece era sempre così di buon umore quando era con gli amici… probabilmente, il sorriso era il suo regalo per gli altri… lo conobbi ad un banchino dei ds in piazza: da poco era iniziato l’intervento in iraq, e d’alema sproloquiava di esportare la democrazia con la forza… mi chiese cosa ci facesse uno come me nei ds… gli dissi che me lo domandavo anche io, e lo invitai a partecipare ad un’assemblea aperta per sostenere la pace in cui anche lui credeva… mi rispose che anche se gli stavo simpatico non serviva a nulla provare a convincere i vertici dei ds, e che non avrebbe messo piede alla nostra riunione… la sera dell’incontro arrivó con due suoi amici… molto contento, gli chiesi perchè avesse deciso di raggiungerci… mi rispose “volevo darti una mano”… mi mancherà tanto il tuo sorriso ironico e gentile, tommy, e che la tristezza sia bandita dai luoghi che conservano il tuo ricordo…

    Domenico Alferi (da Facebook)

Lascia un commento