L’UMANITÀ DI MONS. PRETELLI, UOMO DI FEDE E CULTORE DEL BELLO

monspretelli
Monsignor Pretelli

QUARRATA-FERRUCCIA. Due comunità in lutto per la scomparsa del proprio pievano. In queste ore si moltiplicano i ricordi di coloro che hanno conosciuto monsignor Enrico Pretelli, morto nelle prime ore di stamani all’età di 83 anni.

Era rimasto l’unico tra i sacerdoti della piana quarratina ancora vivente dopo la scomparsa negli anni passati del parroci di Valenzatico (don Patrizio Guidi), Campiglio (don Alfredo Nesi), Buriano (don Hennj Innocenti), Quarrata (don Aldo Ciottoli prima e don Mauro Baldi poi), Santonuovo (don Aldemiro Cinotti) oltre a don Mario Del Becaro (assassinato nella canonica di Tizzana).

Sacerdoti di vecchio stampo che hanno rappresentato ognuno per le comunità che hanno guidato per molti anni punti di riferimento per intere generazioni. Così lo era don Enrico, da quando nel lontano 1968 aveva preso possesso della parrocchia di Ferruccia.

Nel corso dei suoi 46 anni di missione sacerdotale nella Piana don Pretelli (promosso a monsignore nel marzo del 2014) ha vissuto momenti particolarmente difficili: uno di questi sicuramente è stato nel febbraio del 1996 quando la frazione di Ferruccia è stata duramente provata dal feroce omicidio di Romana Bonacchi, massacrata a coltellate all’interno della sua abitazione di via Ceccarelli.

Anche in quella occasione don Enrico che conosceva bene la vittima seppe mostrare a tutti il suo carattere fermo e risoluto e fu di aiuto per tanti parrocchiani finiti nell’occhio del ciclone durante le fasi delle indagini che come noto non portarono a nulla.

Una delle ultime immagini
Una delle ultime immagini di don Pretelli

Oggi in tanti lo ricordano per il suo carattere affabile ma anche ironico, impulsivo e spigoloso. Come una persona colta. Che tanto ha dato alla sua comunità.

Ecco alcune testimonianze raccolte su facebook:

In queste ore tanti ricordi si affollano nella mia mente: le temerarie camminate sul Cimone e i campeggi quasi impossibili al Melo e dopo pochi anni la malattia e le tante lunghe conversazioni (talvolta discussioni accese) sulla chiesa e la pastorale, poi anche la pazienza e la generosa bontà dimostrata in tante occasioni e mai adombrata da un carattere che talvolta poteva apparire un po’ burbero e scontroso ma soprattutto… quella luce sempre accesa sulla piazza della Ferruccia.

Un segno forse piccolo ma molto significativo… Passando di lì, non sarà facile dimenticare di alzare lo sguardo in direzione di quella finestra…

Grazie di tutto don Enrico.

Don Massimo Biancalani

Ha lasciato la vita terrena don Enrico Pretelli, parroco dalla fine degli anni ’60, di SS Filippo e Giacomo a Ferruccia. Ha cresciuto e fatto crescere nella fede generazioni di ragazzi. Grazie don Enrico per tutto quello che hai fatto. Rimarrà il tuo insegnamento e il tuo esempio di uomo di fede e di cultore del bello. Per te una preghiera e un canto di ringraziamento a Dio. Riposa in pace….

Renata Fabbri

“Una grande persona per dedizione impegno e fede” ha scritto invece Gabriele Giacomelli, parrocchiano di Ferruccia e capogruppo Pd a Quarrata.

Il saluto
Il saluto

Don Enrico se ne è andato. Lo ricordo con quel suo sorriso e con la sua umanità, sempre pronto a dialogare e a rendersi utile alla sua Comunità. Per lui Ferruccia e Barba erano famiglia e affetto. Ha coltivato l’educazione di migliaia di ragazzi, è stato prete fino in fondo. Ha sopportato il peso delle malattie con la fede di chi sa che vive e lavora per qualcosa ( e Qualcuno) più grande di ognuno di noi. Con lui se ne va un pezzettino di Quarrata, ma quello che conta starà al sicuro, nelle mani di tutti quelli che lo hanno conosciuto. Ora riposa in pace, nel grembo di quel Dio che ha tanto amato!

Sabrina Sergio Gori

Oggi la nostra comunità parrocchiale e quella dei nostri fratelli del Barba sono in lutto. Rispondiamo alla morte con la vita. Seminiamo vita, sempre ancora. Questo il mio pensiero. E sia solo preghiera ora, per lui e per noi. Insieme.

Francesca Vannucci

Con altrettanto affetto lo ricordano i giovani che a monsignor Enrico Pretelli devono molto e che si stanno adoperando in queste ore per riservargli il saluto che merita.

Vedi: http://www.linealibera.info/e-morto-don-enrico-pretelli-parroco-di-ferruccia-e-barba/

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “L’UMANITÀ DI MONS. PRETELLI, UOMO DI FEDE E CULTORE DEL BELLO

  1. Anche io conoscevo Don Pretelli, e sapendo della sua scomparsa sono molto dispiaciuto! Era un uomo buono e un sacerdote di fede, lascerà sicuramente un vuoto in tutti coloro che l’anno conosciuto e apprezzato! Che DIO ti accolga tra le sue braccia ciao Don Enrico………..

Lascia un commento