lutto. PRATO PIANGE LA SCOMPARSA DI GIACOMO BECATTINI

Giacomo Becattini
Giacomo Becattini

PRATO. È venuto a mancare sabato mattina l’economista Giacomo Becattini, professore emerito di Economia politica dell’Università di Firenze, cittadino onorario di Prato.

Il sindaco Matteo Biffoni ne ricorda il ruolo fondamentale per il nostro territorio: “Proprio in un momento così delicato per la città perdere uno dei maggiori analisti dei fenomeni del nostro territorio è un dolore grande.

“La città di Prato sarà sempre riconoscente a Becattini che con il suo lavoro ha dato una nuova visione alla nostra industria, alle dinamiche del distretto e al ruolo dei nostri imprenditori e artigiani”.

Becattini ricevette la cittadinanza onoraria nel 2001. Fondatore e direttore dell’Irpet dal 1968 al 1973, presidente del Comitato scientifico dell’istituto Iris, Becattini progettò la Libera scuola di Artimino ed è stato ideatore degli Incontri. Tra il 1993 e il 1995 è stato presidente della Società italiana di economia. Socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei, dell’Accademia La Colombaria, dell’Accademia dei Georgofili e membro onorario del Trinity Hall di Cambridge.

Ha sempre analizzato e studiato i cambiamenti della città di Prato: tra i numerosi lavori anche il quarto volume di Prato. Storia di una città dedicato al tema dei distretti industriali, dove l’economista ha dato un’interpretazione teorica dello sviluppo della città.

Il rapporto con Prato è stato un elemento fondamentale nella sua vita di economista ed è stato punto di riferimento per l’analisi e la definizione del concetto di distretto industriale. Solo pochi mesi fa era stato presentato in Salone Consiliare Il suo ultimo volume La coscienza dei luoghi.

Il sindaco Matteo Biffoni, l’assessore allo Sviluppo economico Daniela Toccafondi e tutta la giunta partecipano al cordoglio della famiglia. La camera ardente sarà allestita oggi lunedì nel Salone consiliare del Comune di Prato, dalle 10.30 alle 16.

[comune prato]

Giacomo Becattini, il cordoglio della Regione Toscana

FIRENZE. “Con la morte del professor Giacomo Becattini viene meno la figura di un grande intellettuale e di un grande toscano, un economista di fama internazionale che ha dato un contributo fondamentale agli studi sullo sviluppo e sulle dinamiche economiche, approfondendo in particolare le tematiche dei distretti”. A dirlo è stato il presidente della Toscana, Enrico Rossi, dopo aver appreso la notizia della scomparsa del professore emerito dell’Università di Firenze Giacomo Becattini.

Stefano Ciuoffo
Stefano Ciuoffo

“Di Becattini – prosegue il presidente – non ho apprezzato solo il valore come studioso, ma anche il suo essere uomo di sinistra con il coraggio delle proprie idee e grande spirito critico. Ricordo in particolare la sua convinzione instancabile della centralità del nesso tra capitale e lavoro, alla base della modernizzazione della nostra società, del processo democratico e del nostro paesaggio produttivo e civile. Le mie sentite condoglianze alla famiglia”.

Profonda tristezza per la scomparsa del professor Becattini è stata espressa anche dall’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo, che ha detto: “Se ne va uno degli studiosi più lungimiranti che la nostra regione abbia avuto, colui che per primo analizzò il fenomeno dei distretti industriali indagandone la natura e le dinamiche, capendone l’importanza come nuovo modello di sviluppo del tessuto produttivo che andava formandosi”.

“Becattini – prosegue l’assessore – diede forma teorica al nuovo modo di interpretare il cambiamento economico, ed è stato maestro di molti economisti. Per il distretto pratese in particolare è stato un punto di riferimento fondamentale, con le sue idee e le sue analisi. Sentiremo la mancanza della sua lucidità e della sua visione acuta e attenta dei cambiamenti sociali”.

Condoglianze anche da parte del direttore dell’Irpet Stefano Casini Benvenuti: “È con profonda commozione – ha detto – che porgo l’ultimo saluto a Becattini. Ricordo i suoi studi sull’evoluzione del distretto pratese, pietre miliari per la comunità economica internazionale, tradotti in molte lingue e pluripremiati. Fu il fondatore dell’Irpet, istituto che ha dato un impulso fondamentale alla ricerca sull’economia toscana, a sostegno delle politiche di programmazione. Perdo un grande e caro amico personale”.

[pucci – toscana notizie]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento