m5s. NICCOLAI SE NE VA LASCIANDO IL CAOS DI UNA GIUNTA FALLIMENTARE

Alberto Niccolai
Alberto Niccolai

PISTOIA. A pochi mesi dalle elezioni amministrative il prof. Niccolai si dimette da Presidente del Consiglio, ma anche da Consigliere Comunale.

Non conosciamo il motivo reale, ultimo di questa scelta, senz’altro legata più a profonde ed ormai insanabili divergenze politiche che al fatto in sé, che è solo il detonatore di un ordigno già da tempo sul punto di esplodere.

La vicenda “Palacarrara” – che lo stesso Niccolai ha definito “ecatombe amministrativa” – ha rappresentato la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, niente di più, un vaso che da tempo era pieno fino all’orlo e che avrebbero dovuto tenere attentamente sotto controllo.

Un’uscita di scena, quella di Niccolai, che evidenzia la gravità di una situazione insostenibile per questa amministrazione: lotte intestine, divisioni irreparabili, atteggiamenti autoritari, mancanza di trasparenza e di capacità di coinvolgimento della società civile nelle scelte, con conseguente inadeguatezza a risolvere i problemi del territorio.

Ma i panni sporchi si lavano in famiglia: questioni interne alla maggioranza si sarebbero dovute ricomporre nelle segrete stanze, senza obbligare la città ad assistere a questo ennesimo insano teatrino, a questo siparietto indecente.

Consiglio Comunale a Pistoia
Consiglio Comunale a Pistoia

Bertinelli e i suoi cosa fanno? Invece di recitare il Mea Culpa per una vicenda gestita male e finita peggio, tentano di salvare le forme con toppe che si rivelano peggiori dei buchi: addirittura propongono una specie di petizione, arrivando a scrivere una mielosa e retorica lettera per convincere il Presidente a tornare sui suoi passi; quanto di più squallido ed inopportuno, come se si chiedesse ad un bambino di non mangiare la marmellata e non ci si rivolgesse invece ad un professore universitario che a lungo ha cogitato prima di prendere una decisione (stando a quanto da lui stesso affermato).

Questa richiesta è suonata a molti più come un ricatto morale che come un’attestazione di stima: rimanere, stringere i denti e tapparsi il naso per non creare danni irreparabili. Ma a chi? Alla Giunta ed alla maggioranza, ovviamente!

Il M5S ha inteso rimanere estraneo a questi giochetti di potere. A pochi mesi dalla conclusione della consiliatura e di fatto in piena campagna elettorale, poco importa chi ha preso il posto del Presidente Niccolai, per noi l’uno o l’altro pari sono. Il nome era già stato deciso da giorni e quindi, considerando inoltre che al netto di alcuni verbali da approvare questo argomento era l’unico all’ordine del giorno, abbiamo ritenuto opportuno non partecipare al Consiglio.

Auguriamo tutto il bene a Niccolai e di fare un buon lavoro al nuovo Presidente e al nuovo Consigliere Comunale, che avremo modo di conoscere e di apprezzare in altri momenti.

M5S Pistoia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento