MA AL SAN JACOPO NON HANNO ALTRO DA FARE?

La vicenda surreale richiede una verifica ma serve anche una soluzione al problema delle soste

se-cero-dormivoPISTOIA. La questione delle multe per divieto di sosta al San Jacopo si arricchisce di coloriture sempre più vivaci.

Sembra che oltre all’ordine di scuderia di impallinare chiunque eviti di dover lasciare l’obolo al parcheggio, ce ne sia un altro che impone agli addetti nell’ospedale di sollecitare i vigili a fare controlli.

Tutti i giorni una o più volte al giorno, gli uffici dell’Ospedale chiamerebbero il comando di Polizia Municipale perché faccia un sopralluogo.

multaAnche se in quel momento non c’è nessuno in divieto di sosta, diciamo a prescindere…

Tanto che alcuni vigili inviati sul posto avrebbero fatto notare la circostanza dell’assoluta inutilità dell’intervento sollecitato ottenendo come risposta: «Sappiamo solo che vi dobbiamo chiamare ogni giorno. Ci dicono di fare così».

Il condizionale è d’obbligo per riferire notizie di questo genere, ma certo sarebbe da fare come fanno dove la democrazia è di casa: sbattere forte pentole e coperchi sotto palazzo di Giano finché non si trova una soluzione…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “MA AL SAN JACOPO NON HANNO ALTRO DA FARE?

  1. Brava Paola.
    Fai bene a tenere desta l’attenzione anche tu sul problema e spero che anche altri seguano.
    Per quanto mi riguarda, ieri alle 14.20 circa ho fatto un’altra puntata in zona, così, per controllare, ed ho notato con piacere che la striscia di terreno che sta tra la recinzione del parcheggio a pagamento e la carreggiata stradale era piena di macchine, nessuna delle quali sfiorava, neppure con la proiezione della parte posteriore, la carreggiata medesima. Si può considerare un segno di sfida? Vedremo. Sarei tra l’altro curioso di sapere, da qualcuno che è stato multato nei giorni scorsi, ai sensi di cosa è stato multato, visto che, sembra, la scelta di leggi, codici, articoli e commi a cui riferirsi, in teoria è ampia, ma in pratica, ho l’impressione, molto meno.
    I due cartelli fissi di divieto di sosta posti in zona, uno in direzione sud e l’altro in direzione nord, noi dicono niente in merito, ed alcuni dei cartelli volanti posti a terra, indicano invece che il divieto deve intendersi dalle 8 alle 18. Forse, se li sono dimenticati lì da qualche tempo.
    Piero Giovannelli

Lascia un commento