MA QUANDO BASTA, BASTA

Sosta selvaggia. 1
Sosta selvaggia. 1

PISTOIA. Torniamo un attimo di fronte al portone di quel gioiello del romanico pistoiese che è San Michele in Cioncio.

Attualmente questo frammento di identità perduta appartiene alla parrocchia di Sant’Ignazio o, a voler essere tradizionalisti, cosa assai poco gradita a don Umberto Pineschi, dello Spirito Santo.

Sosta selvaggia. 2
Sosta selvaggia. 2

Dobbiamo fare due ordini di considerazioni. In primo luogo ribadiamo che il degrado urbano, specchio dell’inciviltà generalizzata dei tempi moderni, che si traduce in indifferenza, volgarità e spesso vandalismo, si palesa ottimamente nel parcheggiare automobili in zone dove la sosta è espressamente vietata con tanto di cartello e avviso di rimozione.

A questo proposito vorremmo chiedere come mai, grossomodo giorno e notte per 365 giorni l’anno, sia possibile vedere autoveicoli sistematicamente parcheggiati in spregio al divieto di sosta di fronte alla facciata di San Michele in Cioncio, come riportiamo qui con qualche scatto.

Qualora andasse tutto bene così, non ci stupiremmo, ad esempio, se anche qualche camperista volesse parcheggiare il proprio mezzo là davanti per non dover sostenere il costo annuale dell’autorimessa.

Sosta selvaggia. 3
Sosta selvaggia. 3

Secondariamente, per offrire anche un contributo eventualmente costruttivo, ci preme invece evidenziare quanto sarebbe ragionevole poter accrescere il decoro e la piacevolezza cittadina lasciando liberi per l’ammirazione i tanti scorci della ricchezza architettonica locale.

Sosta selvaggia. 4
Sosta selvaggia. 4

Bisognerebbe però che questi argomenti iniziassero ad essere dibattuti, a livello politico ma anche da parte delle associazioni culturali e dei vari gruppi della più disparata estrazione, attivi per valorizzare Pistoia e promuovere iniziative di varia natura.

Del resto immaginare come tutelare e insieme mantenere vivo, fruibile e interessante il patrimonio monumentale, tra restauro, riuso e abbandono, significa fare cultura nel senso più alto del termine.

A proposito di sosta selvaggia vedi anche: http://linealibera.info/fotonotizie-sosta-selvaggia/

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “MA QUANDO BASTA, BASTA

  1. Dopo avere visto le foto che documentano a sufficienza il fenomeno della sosta selvaggia, una domanda nasce spontanea: “Ma i nostri vigili urbani, sempre solerti nell’elevare contravvenzioni per divieto di sosta, in questi casi cosa fanno?” Già che ci siamo, sarebbe interessante controllare se le macchine che continueranno ad essere posteggiate davanti a San Michele in Cioncio, od in altri luoghi consimili, avranno almeno, qualche volta, il privilegio di trovarsi una bella contravvenzione sul parabrezza.
    Piero Giovannelli

Lascia un commento