MACCHIA ANTONINI, SI RINNOVA LA TRADIZIONE

Domenica 17 agosto a 187 anni dalla prima festa voluta da Pellegrino ancora tanti appuntamenti in programma per una giornata all’aria aperta
La Macchia in un giorno di festa
La Macchia in un giorno di festa

PITEGLIO-PISTOIA. [a.b.] Come tutti gli anni domenica 17 agosto presso la Macchia Antonini si rinnova la tradizionale festa popolare, iniziata nel lontano 1827. È sicuramente una fra le più antiche feste toscane, avviata per volontà testamentaria di Pellegrino Antonini, un generoso e ricco proprietario terriero, nonché ingegnere, che con un testamento del 1825 decise di donare a beneficio della popolazione 200 ettari di terreno.

Pellegrino aveva ereditato questo grande appezzamento di terra da suo padre che lo aveva acquistato nel 1778 dal Granduca di Toscana. La famiglia Antonini trasformò la zona, puramente boschiva in un luogo in cui si alternavano zone con una fitta vegetazione a radure. Nel tempo si aggiunsero anche una villa e alcune strade per potervi arrivare.

La storia della Macchia Antonini è una storia singolare che narra della volontà lungimirante, di conservare bene il territorio e di pretendere che anche gli altri lo facciano, a beneficio di tutti. Fra le dettagliate disposizioni testamentarie di Pellegrino Antonini vi era anche quella che prevedeva l’obbligo di organizzare, ogni anno e in perpetuo, una festa popolare in suo onore nella domenica più vicina al 20 di agosto, e quella che riguarda i modi cui attenersi per preservare il patrimonio boschivo da lui lasciato.

La locandina
La locandina

È grazie quindi alla sua volontà che è possibile godere, ancora oggi, di un luogo ben curato con alberi secolari e di uno splendido parco. Oggi la proprietà è amministrata dal Legato Antonini, un ente benefico costituito appositamente per tale scopo la cui sede si trova nel Comune di Pistoia.

La festa prevede alle 11.00 la celebrazione della Santa Messa nella cappella Antonini e nel pomeriggio varie attrazioni oltre ad una cocomerata verso le ore 16 offerta ai presenti. Il programma prevede poi alcuni momenti ricreativi curati da Giacomo Rossetti che proporrà brani da cantare in coro accompagnati con la chitarra, e da Linda Di Giacomo e il suo spettacolo di burattini “Arlecchino e la principessa Fior di Loto”.

Sarà presente anche il sindaco Samuele Bertinelli. Dal tramonto in poi sarà organizzata l’osservazione delle stelle cadenti insieme all’associazione Astrofili di Quarrata. Info per osservazione stelle: 339-8709082 – 0573-42028.

[comune pt]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “MACCHIA ANTONINI, SI RINNOVA LA TRADIZIONE

Lascia un commento