«MACERIE», UN LIBRO DI MIRIAM MARINO

Macerie
Macerie

PISTOIA. Dieci anni di storia palestinese e due Intifade, raccontati attraverso le vicende personali della giovane Tikva nel romanzo di Miriam Marino “Macerie” edito da La Città del Sole.

L’adolescente Tikva è cresciuta in Israele con il padre ricevendo un’educazione progressista, quando inizia la prima Intifada scopre di avere una madre palestinese. Riesce ad incontrare sua madre e la vita le cambia, assistendo all’apartheid provocata dall’occupazione coloniale israeliana.

Vivendo tra Israele e Palestina, avendo amici israeliani e palestinesi, quando nel 2000 inizia la seconda Intifada Tikva ha ormai fatto la sua scelta di campo davanti all’evidenza dell’occupazione. La ragazza inizia quindi a raccontare gli avvenimenti tramite la descrizione di una pallida rosa testimoniante il dolore che circonda tutto e terminando con la distruzione del campo profughi di Jenin, la storia di una presa di coscienza che si rafforza sempre più nel tempo.

La scrittrice Miriam Marino è impegnata da diversi anni a favore dei diritti umani, sostenendo il pieno conseguimento dei diritti umani e politici dei palestinesi come attivista delle associazioni “Ebrei contro l’occupazione”, “Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese” e “Stelle Cadenti – Artisti per la pace”.

Il libro “Macerie” è stato presentato al Centro di Documentazione Pistoia nella biblioteca comunale San Giorgio alla presenza dell’autrice, iniziativa in collaborazione con il Comitato Pistoiese per la Palestina.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento