macro san[t]ità. AUSL TOSCANA CENTRO, PRIMA CONFERENZA DEI SINDACI

Brenda Barnini da Gonews
Brenda Barnini [da Gonews]. Notate la didascalia
FIRENZE. Si è riunita il 22 marzo per la prima volta la Conferenza aziendale dei sindaci della Ausl Toscana Centro, l’organo attraverso il quale gli amministratori locali partecipano alla definizione delle politiche sanitarie e sociali della nuova Azienda sanitaria.

L’incontro si è svolto all’ospedale Santa Maria Nuova, nella sede legale e centro direzionale dell’azienda sanitaria.

Con l’approvazione della legge di riforma della sanità toscana sono infatti decadute le Conferenze aziendali dei sindaci delle ex aziende sanitarie di Firenze, Pistoia, Prato ed Empoli e si è proceduto a definire una nuova composizione dell’importante organo rappresentativo dei territori ricompresi nella Ausl Toscana Centro: in totale 75 Comuni che all’interno della Conferenza aziendale sono rappresentati dai 9 presidenti delle Società della Salute (Sds) del Valdarno inferiore, di Firenze, delle aree fiorentine nord-ovest e sud-est, del Mugello, di Prato, di Pistoia e della Valdinievole rispettivamente Vittorio Gabbanini, Sara Funaro, Enrico Panzi, Francesco Casini, Roberto Izzo, Luigi Biancalani, Samuele Bertinelli e Pier Luigi Galligani.

Presidente della nuova Conferenza aziendale è Brenda Barnini, sindaco di Empoli. Erano inoltre presenti il direttore dei servizi sociali la dottoressa Rossella Boldrini e il direttore per la programmazione di area vasta il dottor Rocco Damone.

Il direttore generale Paolo Morello Marchese ha illustrato ai presidenti delle Sds i vari passaggi formali e progettuali compiuti fino a questo momento dalla nuova azienda sanitaria per disegnare il nuovo assetto organizzativo previsto dalla nuova normativa.

In particolare dopo la nomina della nuova direzione aziendale – la scorsa settimana – Morello ha annunciato che nei primi giorni di aprile verranno nominati i direttori dei Dipartimenti aziendali (che dagli attuali 67 passeranno a 18) sia ospedalieri che territoriali (chirurgico, medico, oncologico, emergenza e urgenza, salute mentale e dipendenze, medicina generale, sanità territoriale, ecc…) all’interno dei quali è prevista un’articolazione per aree con una vera e propria funzione gestionale e manageriale dei servizi e delle prestazioni.

Paolo Morello Marchese
Paolo Morello Marchese

I direttori dei presidi ospedalieri e delle zone distretto completano   l’impianto generale sul quale si basa la “fusione” delle aziende sanitarie con l’obiettivo dell’integrazione socio-sanitaria e dell’omogeneità dei percorsi assistenziali: da Bagno a Ripoli a Fucecchio, da Marradi a Cantagallo fino a Montemurlo e Monsummano l’accesso ai servizi e alle prestazioni da parte degli assistiti della Ausl Toscana centro (complessivamente 1 milione e 500 mila euro) dovrà essere il medesimo.

La sfida, da qui ai prossimi mesi, è quella di vedere nell’accorpamento delle vecchie Asl l’opportunità di delineare anche nuovi modelli di prevenzione e cura, oltre che di riabilitazione.

Sarà dunque fondamentale il dialogo e il confronto continuo con i rappresentanti dei diversi territori che costituiscono la nuova Asl e in questo senso i presidenti delle Sds hanno auspicato di proseguire nella responsabilità condivisa per orientare sempre di più le attuali politiche socio sanitarie in risposta anche alle nuove emergenze sociali, sanitarie ed economiche e quindi auspicando una forte integrazione socio-sanitaria.

La Conferenza aziendale svolge la funzione di raccordo tra la dimensione aziendale e quella locale delle zone distretto, esprimendosi sulla programmazione socio-sanitaria anche attraverso il monitoraggio dell’organizzazione e dell’efficacia dei servizi ed esprime pareri sugli atti di bilancio.

[ponticelli – coordinamento ufficio stampa azienda usl toscana centro]


IMMAGINATEVI

 

L’immagine fornita dal megaufficio stampa Asl Centro
L’immagine fornita dal megaufficio stampa Asl [dimensioni reali]
COME POSSA funzionare bene e speditamente un organismo macrobiotico di questa portata.

E per farlo cercate di capire la differenza fra un lombrico e un essere umano. Il primo mangia da una parte e caca dall’altra, mentre la complessità del fisico umano la conosciamo tutti a dovere.

Come al solito finirà che i Sindaci si faranno prendere per la manina (e per il culetto d’oro) dalla dirigenza Asl: quei tecnici-amministrativi che ci succhiano il sangue con milionate di prebende in €.

La sanità pubblica sarà un optional, ma Rossi darà la colpa ai medici dell’intramoenia (vedi) – e i compagni del Pd (a partire dalle veline dell’Asl) batteranno calorosamente le manine fino a spellarsele.

Volete impiccarvi, toscani? Continuate a votare i vostri compagni al potere!

l.f.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “macro san[t]ità. AUSL TOSCANA CENTRO, PRIMA CONFERENZA DEI SINDACI

  1. La foto finale fornita dal “megaufficio stampa asl [dimensioni reali]” è la dimensione reale del corrispettivo umano: una foto francobollo!

Lascia un commento