mala san[t]ità. LE FRITTELLE MANCATE DELLA SACCARDI

All’ultimo momento l’Assessora ha deciso di non presentarsi a «La prova del cuoco» a Campo Tizzoro…
Niente “prova del cuoco” a Campo Tizzoro

SAN MARCELLO-MONTAGNA. Avviso ai naviganti: la pin-up della Sanità Toscana, la compagna Saccardi, “ha dato buca” e non sarà presente domani all’incontro con la popolazione e i Sindaci della Montagna.

Che dire? L’arroganza e la spocchia di certi paladini della politica è oramai quotidianità e pur tuttavia l’ingiuria arrecata alla Montagna è grave. Gravissima.

Non di normale accadimento si trattava: era il momento del redde rationem, dell’assunzione di responsabilità politica fattuale dopo decenni di chiacchiere e comportamenti criminali.

Perché chi gioca con la salute pubblica è un criminale.

Noi non sappiamo quanti cittadini avrebbero inteso partecipare all’incontro: fossero stati anche dieci, questa «indossatrice della politica» avrebbe dovuto adempiere all’impegno assunto e presentarsi in Montagna. Invece si è fermata a Ponte Calcaiola o, forse, per dirla tutta, a Ponte “Ca[l]caiola”. Ha avuto paura, questa Signora; altra ipotesi non è credibile.

Forse, però, potrebbe anche non essersela sentita di venire a vomitare e vendere parole in libertà senza promesse concrete come hanno fatto i suoi predecessori.

Ma finiamola qui. Certe caricature di politici e certi comportamenti da cenciaioli di vecchia data non possono e non devono far dimenticare il comune obiettivo: applicazione del Decreto Balduzzi senza tante storie.

E se si potesse creare uno staff di legali ai quali fare pervenire i disservizi quotidiani della sanità montana e si procedesse per vie legali ogni qualvolta se ne presentasse l’opportunità?

Che ne dite?

[Felice De Matteis]


IL COMUNICATO DELL’UFFICIO STAMPA
DI SAN MARCELLO-PITEGLIO

Luca Marmo

Gentili colleghi,
purtroppo dobbiamo comunicarvi che l’incontro pubblico tra istituzioni e Consulta della salute in programma domani a Campo Tizzoro, al quale avrebbe dovuto partecipare anche l’assessore regionale al diritto alla salute Stefania Saccardi, è stato annullato.

Questa la nota del sindaco Luca Marmo:

Mi ha appena telefonato l’assessore regionale per il Diritto alla salute Stefania Saccardi dicendomi che, per un impegno imprevisto e improrogabile a Roma, purtroppo non è in grado di garantire la propria presenza all’assemblea prevista per domani, 19 marzo 2019 alle ore 17.30 presso la sede del Progetto MoToRE. Consapevole dell’importanza dell’incontro, l’assessore si è rammaricata e scusata con il sottoscritto e mi ha pregato di estendere le proprie scuse a quanti attendevano l’assemblea. Per non rischiare di dilazionare troppo nel tempo la discussione ed il confronto con la Regione sul documento approvato dalla Consulta, mi ha proposto un incontro con la Consulta della salute da tenersi a Firenze direttamente la settimana prossima, prima tappa di un confronto più ampio. La proposta sarà oggetto di valutazione in seno alla Consulta che sarà mia cura far convocare a strettissimo giro di posta”.

Un caro saluto,
l’Ufficio stampa del Comune di San Marcello Piteglio


A questo punto, mentre il Sindaco di San Marcello-Piteglio manda a dire che l’incontro con la Saccardi non si farà, sembra che il suo collega di Cutigliano-Abetone abbia deciso diversamente e stia avvertendo tutti che, nonostante l’assenza dell’Assessora, lui scenderà a Campo Tizzoro e si incontrerà con i cittadini e le associazioni turlupinate dalla responsabile della sanità toscana.

Sarà interessante vedere cosa avrà da dire, domani, il solerte ufficio stampa della Regione, sempre pronto a sostenere, a capo chino, le bizze di chi ha ridotto la Montagna a una zona depressa e maltrattata.


due di briscola. QUANDO IL POPOLO NON CONTA

Salsa Napolitana

 

LA LEGALITÀ è una bellissima cosa, ma lo Stato, in tutte le sue espressioni, è tutto fuorché legalità.

Nel discorso delle beatitudini (Mt., 5, 6) Gesù dice «Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati»: ma molto probabilmente dal primo manoscritto del Vangelo di Matteo sono scomparse, dopo saziati, le parole «di aria fritta dei politici e degli uomini dell’apparato che vogliono solo il bene del popolo».

A tutto pensa la politica, fuorché al bene del popolo: o altrimenti l’Italia dovrebbe essere un giardino dell’Eden con tutto quello che abbiamo pagato in tasse finora. E invece guardate, senza fare i bravi bambini pieni di puro altruismo, di fremiti di accoglienza  e di “anima bella”, la nostra società: un mondo “sconclusionato” in cui tutti «hanno nel cuore tutti, ma vanno in culo a tutti».

Svegliatevi. Svegliatevi perché se non vi svegliate, rischiate di scoprire – quando vi sveglierete – che siete già morti da un pezzo.

Prendete coscienza di come ci hanno ridotto tanti bravi democratici che, seguendo la strada aperta da Tangentopoli, ci hanno scavato la fossa riducendoci alla miseria dopo essersi alleati con la finanza e con il fondàcciolo della peggiore Dc.

Vi dicono nulla Mario Monti, Letta, Renzi, Gentiloni in salsa “napolitana”?

[Edoardo Bianchini]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email