malagestio. ECCO UNA RIMOZIONE DI VEICOLO CON DANNO ERARIALE?

La vicenda del sequestro di un veicolo “dimenticato” dall’ex Comandante Nesti arriva sulla scrivania del Sindaco e della Segretaria Comunale D’Amico, chiamata anche lei al rendiconto
La ricevuta della Pec esibitaci dal Ciottoli

AGLIANA. Come abbiamo già detto, tutti i nodi vengono al pettine e purtroppo vi proponiamo l’inizio – almeno a noi pare tale – di un nuovo contenzioso tra un’altra officina di “depositeria e custodia” di veicoli di Quarrata e il Comune di Agliana, per un valore, stavolta, di oltre 26.000 euro, liquidi ed esigibili, fatte salve le maggiori spese legali per il pronunciamento del giudice civile del Tribunale di Pistoia che convocherà le parti il prossimo 1 luglio.

Si tratterebbe dell’ennesimo sperpero: una vettura “dimenticata” per oltre 12 anni (4.204 giorni) dal Comandante di Polizia Municipale di allora, che è sempre lui: il dott. Andrea Alessandro Nesti.

Comparsa Tribunale risarcimento 2

Il titolare dell’officina in questione è il fratello dell’ex consigliere di opposizione Maurizio Ciottoli che, intervistato sulla vicenda, ci conferma l’esattezza della storia e ci esibisce anche gli atti eseguiti dalla Polizia Municipale sotto la direzione del Comandante Nesti.

Comparsa Tribunale risarcimento 3

Comparsa Tribunale risarcimento 4

Mentre la notifica della richiesta di risarcimento è stata inoltrata alla casella Pec del Comune (vedi in apertura la copia), il titolare Massimo Ciottoli ci conferma che sull’argomento sarà presto esperita una interrogazione dedicata al riconoscimento delle consistenze reali effettive, e così anche l’accertamento dei responsabili che hanno omesso gli atti dovuti, causando un notevole danno erariale, probabilmente destinato ad aggravarsi in caso dell’incardinamento di una lite giudiziale, per il gravame delle spese di lite.

Maurizio Ciottoli, ex consigliere di opposizione

Ma allora, viene da chiedersi: quando saranno chiamati a rispondere con i loro denari i dirigenti dei servizi responsabili che, tra motorini dimenticati, pubblicità indebita a Tvl, veicoli sequestrati, multe, regolamenti di Polizia in odore di illegittimità e altre ancora, sembrano fare accumulare diverse decine di migliaia di euro di risarcimenti?

Paga sempre Pantalone di Agliana?

I cittadini si stuferanno di sopportare queste spese riconducibili a malagestio, incompetenza, superficialità e cialtroneria amministrativa?

[alessandroromiti@linealibera.info]


Andrea Alessandro Nesti ex comandante dei vigili di Agliana

giornalisti e verità. CHE OGNUNO SI ASSUMA LE PROPRIE RESPONSABILITÀ

NON INTENDO dilungarmi sui fatti: voglio solo esprimere un commento di buonsenso.

Andrea Alessandro Nesti, ex comandante dei vigili di Agliana molto apprezzato dal partito che ha retto il comune dal dopoguerra ad oggi,  ha regalato, a me e a Alessandro Romiti – è bene ricordarlo –, tre ricorsi (con la moglie Milva Maria Cappellini) all’Ordine dei Giornalisti e un paio di querele (in proprio e in prima persona).

Ha trovato giustamente la porta chiusa all’Ordine, anche perché di tutto quello di cui abbiamo sin qui parlato e scritto, abbiamo sempre dato prove e documenti certi; ma, secondo noi, ha trovato una porta fin troppo aperta altrove con indagini (?) a nostro avviso assai discutibili in termini di contenuti e di metodo, di cui, però, parleremo nella sede opportuna.

Il giudizio complessivo lo lasciamo ai lettori: e specialmente a quei lettori che, di Agliana, hanno pagato di tasca propria i comunque documentati «errori» (se non altro e ove non altro) di quello che Rino Fragai, sovietkommissar catapultato nella Piana, definiva ottimo comandante, parola che ha un solo valore, quello di perfetto.

Se la perfezione è quella che emerge da uno strascico interminabile di errori, omissioni, dimenticanze, negligenze e quant’altro, quale quello che ci ha lasciato l’ex comandante Nesti; e se noi non lo abbiamo narrato, questo strascico, nel rispetto della «verità sostanziale dei fatti osservati sempre i doveri imposti dalla lealtà e dalla buona fede» (vedi Legge 69/1963), allora potremmo anche essere richiamati ai nostri doveri.

Ma se ciò che abbiamo scritto e sin qui ripetuto, in forma di cronaca e di critica, sull’ex comandante Nesti è – com’è – indiscutibilmente veritiero, verace e verisimile: allora di cosa ha da lamentarsi il dottor Andrea Alessandro Nesti? La percezione che lui ha di se stesso e della propria onorabilità e buona fama è evidentemente dissonante e in netto contrasto con la realtà dei fatti: quindi inammissibile.

In questi ultimi giorni abbiamo inviato la segnalazione dei nostri interventi e commenti sia al dottor Nesti che agli altri interessati: comandante dei vigili, segretaria generale D’Amico, sindaco Mangoni e sindaco Betti.

Risultato: silenzio assoluto. Ma come dice il proverbio? Chi tace…

Ma c’è di più: un’altra richiesta danni dovrebbe arrivare a breve, per un veicolo ancora in custodia presso un’officina, perché non è mai stato notificato ai custodi del mezzo il dissequestro penale da parte della polizia municipale. Ancora un’altra… svista?

[Edoardo Bianchini]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “malagestio. ECCO UNA RIMOZIONE DI VEICOLO CON DANNO ERARIALE?

Comments are closed.