malagiustizia. RICORSO “AD PERSONAM” PER ANDREA NESTI ?

L’ex Comandante Andrea Nesti richiede un’anticipazione al Tribunale, protestando per il rinvio della sua causa contro il Comune di Agliana
Alessandro Nesti

AGLIANA. Siamo alle solite. Ancora una volta dobbiamo registrare un atto di parziale malagiustizia, con una protesta – reclamata anche alla stampa strutturata – per un ulteriore rinvio di una udienza di ottobre di questo anno e procrastinata alla fine di gennaio 2018.

L’udienza era stata calendarizzata alla primavera scorsa e dunque slitta così di quasi nove mesi. Niente di strano diranno i lettori, che conoscono i ritardi degli uffici giudiziari e, specificamente della sezione “lavoro” del Tribunale di Pistoia, oberata dalla mancanza di un magistrato titolare da oltre quattro anni.

Non l’ha pensata così l’ex comandante della Pm di Agliana, Andrea Nesti che rimasto “rammaricato e sconcertato” dal rinvio, annuncia un ricorso con una richiesta di ripristino della data di ottobre.

Ci preme ricordare all’ex comandante le valutazioni di opportunità sulle sue iniziative di protesta: cosa è un rinvio di tre, sei o nove mesi per l’udienza della sua vertenza contro il Comune, rispetto ai quindici anni di attesa del Comandante escluso, Mauro Goduto ?

Il comandante in pectore Mauro Goduto

Pensi bene il Nesti, al lungo calvario che ha dovuto sopportare il suo avversario che, dopo aver conosciuto il risultato illegittimo della graduatoria nel 1999 ha atteso oltre 15 anni (era il febbraio del 2015) perché il Consiglio di Stato portasse un definitivo pronunciamento nell’annosa vicenda che vedeva contrapposti a lui, non solo il Comune di Agliana, ma anche lo stesso Nesti in una lotta di uno contro due.

Si ricordi Nesti, dei quindici anni (o tre lustri, pieni) che lui ha illegittimamente trascorso nel ruolo di dirigente espropriando un collega che avrebbe occupato il ruolo se la graduatoria fosse stata correttamente esperita.

A nostro parere, è dunque il Dott. Mauro Goduto ad aver subìto un danno “non patrimoniale” per la sua immagine e carriera professionale. Da cosa discende questa malcelata indignazione per esporre pubblicamente il ricorso avverso al rinvio dell’udienza, pubblicandolo sulla stampa organica: non era lui posto dalla “parte sbagliata” stando a fianco dell’Amministrazione (oggi sua avversaria) nel lungo processo (incardinato in modo temerario) per respingere la domanda di giustizia poi ottenuta dal Goduto ?

Questa nota, non è un dettaglio: Nesti non potrà rivendicare di aver subito passivamente la lite tra il Comune di Agliana e il Dott. Goduto con le successive disposizioni conseguite alla sentenza.

Da questo argomento scaturisce la nostra perplessità agli effetti della legittimazione – almeno morale, se non giuridica – che Nesti ha assunto nella lite contro il Comune di Agliana, cercando l’affermazione di ragioni che non gli erano dovute.

Il Sindaco Mangoni, la Segretaria D’Amico, il Presidente Nerozzi

Sulla vicenda – lo ricordiamo – incombe anche un ricorso alla Corte dei Conti promosso da consiglieri dell’opposizione, per il danno erariale causato dall’omessa attuazione della sentenza del Tar del 2010, riconosciuta dal Consiglio di Stato come da “applicarsi automaticamente” ma ignorata dall’Amministrazione e dunque, dalla Segretaria Generale Donatella D’Amico, preposta a tali funzioni specifiche di controllo della res publica.

Insomma, Nesti è un cittadino come tutti, uguale a tanti, ma un “poco più uguale”, che non disdegna di fare una richiesta di anticipazione, rendendola pubblica e perciò più autentica: saremmo curiosi di leggerla nelle sue motivazioni e pubblicarle, divenendo – se fosse accolta – esempio di uno straordinario provvedimento ad personam.

Il Silvio nazionale, potrebbe così dire di non essere l’unico in Italia ad aver goduto di provvedimenti tagliati a suo uso e consumo, ma di avere un suo emulo a Pistoia.

[Alessandro Romiti]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “malagiustizia. RICORSO “AD PERSONAM” PER ANDREA NESTI ?

  1. Milva Maria Cappellini scrive su facebook:

    Il giornalista – davvero attentissimo a questa vicenda – attesta una volta ancora di non aver minimamente compreso i termini della questione. Del resto, mesi fa gli era stato proposto un incontro per soddisfare tutte le sue necessità di chiarimento e approfondimento: incontro rifiutato, seppur per interposta persona.
    Peccato, perché certamente ciò che muove il giornalista è l’amor di verità. La maggior parte dei documenti relativi alla vicenda è pubblica: tuttavia, se il giornalista desidera consultare la prima istanza di anticipazione (accolta) e leggerne le motivazioni, non ha che da chiederla, per poter finalmente aver chiaro ciò di cui si ostina a ragionare e scrivere.

    Nel merito della vcenda, ci limitiamo a rimandare a due articoli (uno dei quali firmato dal giornalista ora immemore) risalenti ormai a qualche anno or sono:
    http://www.linealibera.info/nestigoduto-il-comandante-lo-iacono-ricostruisce-linghippo/
    http://iltirreno.gelocal.it/pistoia/cronaca/2015/09/30/news/nessun-risarcimento-per-mauro-goduto-1.12182677

Lascia un commento