MALTEMPO: ARRIVANO I PRIMI FONDI GOVERNATIVI

Piazza del Carmine. Pistoia, 5 marzo 2015. 2
Piazza del Carmine. Pistoia, 5 marzo 2015

ROMA. Arrivano dal governo le prime risorse per far fronte ai danni causati dal maltempo sul nostro territorio lo scorso 5 marzo. Il Consiglio dei Ministri ha stanziato 12.5 milioni di euro per “iniziative di carattere straordinario – si legge nel decreto di Palazzo Chigi – finalizzate al superamento della grave situazione” che ha colpito le province di Pistoia, Arezzo, Lucca, Firenze, Massa Carrara e Prato.

Le imprese agricole danneggiate, che non hanno sottoscritto polizze assicurative agevolate, potranno accedere ad interventi volti a favorire la ripresa dell’attività economica e produttiva.

Il provvedimento era stato anticipato nei mesi scorsi dal governo in risposta ad un’interpellanza urgente, presentata nei giorni immediatamente successivi alla bufera, sottoscritta dai deputati Bini e Fanucci. “Le eccezionali avversità atmosferiche – prosegue il testo della Presidenza del Consiglio – hanno provocato ingenti ed estesi danni strutturali ad edifici pubblici e privati”, una situazione di “pericolo per la pubblica incolumità”, dunque secondo il governo è prioritario “agire tempestivamente con mezzi e poteri non ordinari”.

“È fondamentale – spiegano Bini e Fanucci – che il governo abbia riconosciuto la gravità della situazione. Ci era stato garantito che lo Stato avrebbe fatto la sua parte: promessa mantenuta. Il maltempo che ha colpito la provincia di Pistoia obbligava ad una risposta puntuale, giunta a meno di sessanta giorni rispetto ai danni. La cifra stanziata è significativa e consente ad imprese e cittadini di avviare la ripresa della consueta attività. Il governo, inoltre, ha deliberato lo Stato di emergenza per 180 giorni dall’approvazione del decreto, dopodiché la Regione Toscana, in via ordinaria, coordinerà gli interventi di superamento dell’emergenza”.

Un decreto che prevede fondi e strumenti concreti, per i quali Bini e Fanucci si sono spesi in prima persona con dialoghi quotidiani con i Ministeri. “A nostro avviso, il sostegno da parte del governo è doveroso – spiegano – le avversità climatiche non devono mettere in ginocchio un intero territorio, già in difficoltà per la pesante crisi economica degli ultimi anni. Adesso, occorre verificare che le risorse siano utilizzate correttamente e che la provincia di Pistoia non sia abbandonata una volta conclusa l’emergenza”.

[comunicato bini-fanucci]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento