MARESCO INAUGURA LA PRIMA EDIZIONE DI “PRESENTE ITALIANO”

Presente Italiano
Presente Italiano

PISTOIA. Sarà il regista Franco Maresco a inaugurare la prima edizione di “Presente Italiano”, il festival di cinema, ideato e diretto da Michele Galardini, giornalista e critico cinematografico, dedicato alla cinematografia italiana, che si terrà a Pistoia dal 4 all’11 ottobre in varie location della città.

La manifestazione cinematografica è promossa da PromoCinema, associazione culturale senza scopo di lucro, attiva nel campo della promozione del cinema; con la collaborazione di Gabriele Rizza, critico cinematografico; il sostegno del Comune di Pistoia; della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia; dell’associazione Teatrale Pistoiese; del Centro Mauro Bolognini e la collaborazione di Quelli della Compagnia di Fondazione Sistema Toscana.

Il regista Maresco presenterà al cinema Globo (alle 21:45) il documentario “Gli uomini di questa città io non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati”, presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia e per la prima volta proiettato al pubblico. Il doc è dedicato alla vita e l’opera di Franco Scaldati, scomparso nel 2013, una delle figure nel mondo del teatro e del cinema, più significative della seconda metà del novecento europeo.

Il logo
Il logo

La prima giornata, organizzata in collaborazione con l’associazione Teatrale Pistoiese sarà preceduta alle 18:30, al Piccolo Teatro Mauro Bolognini, dall’incontro con Franco Maresco e Rodolfo Sacchettini su Franco Scaldati (a cura di Gabriele Rizza).

Il festival è diviso in varie sezioni: il ”Concorso” riservato a 6 lungometraggi italiani, usciti da settembre 2014 a giugno 2015, selezionati dai membri della giuria (Giulio Sangiorgio di FilmTv, Marzia Gandolfi di Mymovies e Francesco Grieco di Mediacritica): sarà il pubblico a decidere il film vincitore attraverso una scheda che verrà consegnata all’ingresso di ogni proiezione.

I film selezionati per il concorso sono: Torneranno i prati di Ermanno Olmi; N-Capace di Eleonora Danco (presente al festival); Lousiana (The Other Side) di Roberto Minervini; Perfidia di Bonifacio Angius (presente al festival); Belluscone di Franco Maresco e Hungry Hearts di Saverio Costanzo (presente al festival).

L’altra sezione dal titolo Passato-Presente: omaggio al cinema nascosto curata dal critico Roy Menarini in collaborazione con Simone Venturini sarà dedicata a un approfondimento sulla produzione nazionale, in particolare di titoli che hanno affrontato nodi del presente, sociali, politici, culturali, identitari, partendo da premesse meno esplicite e da produzioni più atipiche.

Tra i film in programma Fuoco di Gian Vittorio Baldi (del 1968); Nel più alto dei cieli di Silvano Agosti (del 1976); L’occhio Selvaggio di Paolo Cavara (del 1967); Hanno cambiato faccia di Corrado Farina presente al festival (del 1971); Terzo Canale avventura a Montecarlo di Giulio Paradisi (del 1970); Arcana di Giulio Questi (del 1972) e Ecco noi per esempio di Sergio Corbucci (del 1977), Metti una sera a cena di Giuseppe Patroni Griffi (1969).

Lucio, Teatro Biondo (Palermo)
Lucio, Teatro Biondo (Palermo)

Conclude l’Omaggio una serata d’onore con, la proiezione di La giornata balorda di Mauro Bolognini (1960), in collaborazione con il Fondo Moravia, l’Archivio P.P.Pasolini e il Centro Mauro Bolognini, in programma, negli spazio del centro Culturale Il Funaro, anche la proiezione del film L’educazione affettiva di Federico Bondi (presente al festival) nell’ambito del progetto “L’infanzia in città”.

Nel ricco cartellone anche molti incontri con i registi in concorso che si terranno tutti i giorni del festival presso lo Spazio di via dell’Ospizio tutti i giorni alle ore 18.00 (a ingresso libero). Da segnalare sabato 10 ottobre, alle ore 11.30, una serie di presentazioni di libri: Simone Venturini presenta Horror italiano (Donzelli, 2014); Alberto Pezzotta presenta “L’occhio selvaggio. Paolo Cavara, Tonino Guerra, Alberto Moravia” (Bompiani, 2014); Claudio Bisoni presenta “Gli anni affollati. La cultura cinematografica italiana (1970-79)” (Carocci, 2009).

Una sezione è dedicata al Festival dei Popoli con la proiezione del film vincitore del 2015 dal titolo Smokings di Michele Fornasero (serata organizzata in una location particolare ancora da definire in collaborazione con Associazione Spichisi alla presenza del regista).

Tra le sezioni collaterali anche quella dedicata ai cortometraggi sperimentali con una selezione di 11 film. Tra gli eventi speciali due workshop uno dal titolo “Sul cinema d’oggi (non ci scatarro su): critica e analisi” con Giulio Sangiorgio (critico cinematografico di FilmTv) e l’altro sulla scrittura per il cinema tenuto da Marianna Cappi con gli studenti degli istituti superiori di Pistoia.

Il dépliant
Il dépliant

Il programma presenta la proiezione di 18 film, 11 cortometraggi, 10 ospiti tra registi e autori, 2 workshop e 6 incontri divisi in 6 location della città di Pistoia.

La città di Pistoia è una realtà locale in netta ascesa dal punto di vista della qualità e dell’importanza delle manifestazioni culturali rivolte al grande pubblico, e in particolare a quello giovanile, della scuola e dell’Università.

Pistoia non è più solo una “Città d ‘arte” che custodisce le bellezze artistiche e architettoniche che la storia gli ha donato nel tempo, ma da qualche anno promuove nuove le più aggiornate forme di ricerca, partecipazione e approfondimento dei grandi temi della cultura contemporanea: in campo teatrale, con il lavoro svolto dall’Associazione Teatrale Pistoiese, dal Centro Il Funaro, in campo musicale, ad esempio con il Festival Pistoia Blues, nel settore delle arti figurative, con i nuovi progetti di organizzazione dei musei, nel campo della letteratura e della comunicazione sociale (Dialoghi sull’Uomo, Leggere la città, Pop Pistoia).

Sul piano del cinema è attivo da anni il Centro Mauro Bolognini, che promuove la valorizzazione e lo studio dell’opera del regista pistoiese, produzioni di film e documentari, un Film Festival dedicato ai cortometraggi, il Premio Cortoscuola, e il premio Cinema e letteratura, più altre realtà emergenti come Spichisi. All’interno di questo forte sviluppo culturale della città, riteniamo che la proposta di un Festival del cinema italiano possa trovare una motivazione idonea e un terreno fertile per la sua nascita e crescita.

In questo momento riteniamo sia importante dare vita a un festival (non solo un premio) dedicato alla migliore produzione cinematografica nazionale, un’iniziativa che abbia come scopo principale la promozione e la valorizzazione degli autori italiani, che attraverso le loro opere cercano di dare una chiave interpretativa della nostra realtà contemporanea, usando le armi della poesia e dell’indagine, con l’intenzione di contribuire a diffondere e a fare conoscere le loro produzioni, in modo particolare presso un pubblico giovane, aperto ai problemi sociali e politici.

Enti promotori: Comune e Provincia di Pistoia, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia, Quelli della Compagnia della Fondazione Sistema Toscana, Associazione teatrale pistoiese. Partner: Biblioteca San Giorgio; Centro Mauro Bolognini, Cineclub Mabuse, Mymovies, Associazione Recente, CarnageNews, Mediacritica, Nevrosi, Il Funaro, Spichisi, Festival dei Popoli, Mediacritica, FilmTv.

Gli uomini-di-questa-citta-non-li-conosco-vita-e-teatro-di-franco-scaldati-2015-franco-maresco-002
Gli uomini di questa città non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati. 2015, Franco Maresco

Nato a Pistoia nel 1985, Michele Galardini si è laureato in cinema al Cmt di Pisa (relatore il professore Pier Marco De Santi) con una tesi sui livelli di comicità ne “I Simpson” e successivamente a Bologna (relatore il professore Leonardo Quaresima) con una tesi sulle forme intertestuali quali remake e sequel.

Giornalista pubblicista dal 2008, ha scritto di cronaca e spettacolo per il quotidiano Il Tirreno e successivamente del quotidiano online Reportpistoia, di cui è diventato capo redattore nel 2013.

Ha tenuto rubriche di argomento cinematografico su diverse emittenti locali, fra cui Grindhouse su Radio Fleur, ha tenuto diverse serie di lezioni di cinema (Leggere il Cinema, Circolo Ricreativo Le Fornaci di Pistoia).

Si occupa di critica cinematografica su varie riviste online come Mediacritica, Carnagenews (di cui è fondatore e direttore), Repubblica.it edizione di Firenze e su pubblicazioni come Il grande vetro e Cinit – Cineforum italiano. A maggio del 2013 ha pubblicato il libro I Simpson e il cinema per Felici Editore.

[puggelli – comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento