MASSIMO BALDI E L’AUTORIDUZIONE

Massimo Baldi---PISTOIA. Noi del centrosinistra in Toscana abbiamo già fatto molto per tagliare i costi della politica – dice il candidato del Pd alle Regionali Massimo Baldi –. Dal 2012 la Toscana ha deciso di abolire i vitalizi per i propri consiglieri regionali. In politica, come nel mondo dell’impresa e delle professioni, non ci si può sedere sugli allori di ciò che è stato fatto, ma occorre chiedersi come migliorare ulteriormente.

Con questo spirito, se verrò eletto, al consiglio regionale mi prendo pubblicamente l’impegno di promuovere un’ulteriore modifica alla legge regionale sugli emolumenti dei consiglieri, e con me lo farà anche il capolista del collegio di Pisa Antonio Mazzeo, al fine di ridurli ulteriormente e di farli corrispondere alla cifra lorda assoluta di 62.000 € annui, pari cioè alla media dell’indennità dei sindaci dei comuni capoluogo toscani. Proporrò inoltre di rimuovere il rimborso fisso lasciando soltanto quello per i consiglieri che vengono da città lontane da Firenze.

E a prescindere dalla legge regionale – aggiunge –, fin dall’inizio della mia esperienza in Regione, mi impegno ad adottare dieci associazioni della provincia di Pistoia. A questi gruppi di persone di buona volontà andrà un quinto della mia indennità di consigliere regionale. Premierò associazioni che siano dedite ad attività culturali, sociali e socio-sanitarie, filantropiche o di innovazione e ricerca. Per il primo semestre ho scelto come beneficiario di questa mia auto riduzione dello stipendio l’Associazione Amo la Montagna, editrice della rivista La voce della montagna e pronta a creare un portale web dedicato alla promozione del territorio, del paesaggio, della cultura e delle attività produttive della Montagna Pistoiese e in genere dell’Appennino Tosco-Emiliano.

In seguito – conclude Massimo Baldi – valuterò con trasparenza le candidature e le proposte di chi vorrà sottopormi un progetto dedicato allo sviluppo culturale, sociale ed economico dei nostri territori. È un piccolo gesto, lo so, ma credo sia quello che ci vuole per smentire il qualunquismo del tanto i politici sono tutti uguali e del non cambierà niente. Io ci metto la faccia e prendo impegni concreti: se si vuole davvero rendere più credibile la politica il primo passo devono compierlo i politici stessi. Io lo faccio.

[comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “MASSIMO BALDI E L’AUTORIDUZIONE

  1. Qui siamo davvero al voto di scambio, che tristezza! Pensare di comprare qualche voto della montagna senza aver mostrato intenzioni di spendersi in nessuna di tutte le disgrazie che abbiamo. A partire dalla chiusura dell’ospedale e del pronto soccorso.
    perché il Baldi non indirizza la parte dello stipendio all’asl3 per riaprire il pronto soccorso, risparmiandoci questa manfrina del giornalino ???
    Elisabetta

Lascia un commento