MASSIMO ROSSI, UN INFERMIERE-SCRITTORE SOLIDALE

La copertina
La copertina

PESCIA. Massimo Rossi, infermiere della direzione sanitaria di Pescia, dopo il convincente Pioggia Fango Merda Sole Blues Un’Amazzonia Senza Sting, ha recentemente pubblicato Una birra a Kathmandu. Note di viaggio dal Nepal, un libro che rappresenta quello che era il Nepal prima del tragico terremoto.

È intenzione di Rossi devolvere alla popolazione nepalese l’intera quota dei diritti di autore.

“Quanto è accaduto in Nepal – ha scritto l’autore –, con le numerose vittime (stime ottimistiche parlano di 10.000), un milione di senza tetto e un patrimonio mondiale di numerosi templi e palazzi distrutti, ha fatto assumere una veste nuova al libro Una birra a Kathmandu. Note di viaggio dal Nepal, che ora si trova a rappresentare quello che il Nepal “era” poco prima del terremoto, mentre rimangono sicuramente inalterate filosofie e anima di questo Paese, che nel libro ho cercato di rappresentare.

È mia intenzione devolvere alla popolazione nepalese l’intera quota dei diritti d’autore a me spettante, facendo questo attraverso una delle organizzazioni umanitarie che operano là fin dal giorno dopo il terremoto. Chi di Voi non conosce a fondo la realtà nepalese e vuole contribuire a questa iniziativa mediante l’acquisto del libro, può richiederlo presso il suo libraio di fiducia o direttamente a http://www.polariseditore.it/. Chi volesse contribuire in forma diversa può consultare i numerosi siti di riferimento come Msf, Unicef, Croce Rossa e Mezza Luna Rossa, Caritas, Save the Children, Agire o mediante la catena degli Sms Solidali”.

“Nelle ultime pagine del libro – aggiunge e conclude Massimo Rossi – racconto la mia visione dall’alto di uno dei templi più alti di Kathmandu, il Maju Deval, dedicato a Shiva, risalente al 1692 ed esempio di arte newari, e descrivo la gente che passa sotto, nella piazza. Il tempio è ora un cumulo di macerie. Mi chiedo della gente descritta cosa ne sarà stato e spero che il Vostro/mio aiuto possa concretizzarsi”.

[ponticelli – usl 3]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento