mega punch heroes 7. EMILY WABBY ORGANIZZATRICE DELL’EVENTO REGIONALE PER I GIOVANI HICKBOXER

La manifestazione, dedicata agli sport di combattimento, ha visto sul tatami tantissimi giovani atleti. La campionessa montemurlese Wahby consolida così la sua propensione alla formazione sportiva dei giovanissimi
Nella foto da sinistra Emily Wahby con il maestro Francesco Mazzoni

MONTEMURLO. Si è svolta lo scorso fine settimana nella palestra dell’istituto Buzzi a Prato “Mega Punch heroes 7”, la manifestazione regionale di sport da combattimento, riservata a bambini dai 6 ai 12 organizzata dalla campionessa montemurlese di Muay Thai, Emily Wahby dell’asd Kai Muay di Prato.

L’evento, giunto quest’anno alla sedicesima edizione, durante la mattinata ha visto alternarsi sul tatami oltre trenta bambini provenienti da tutta la Toscana che, sotto la guida della campionessa Emily Wahby, si sono affrontati in incontri di kick light e nelle selezioni regionali del Trofeo Coni.

Oltre trecento le persone presenti sugli spalti per applaudire i giovani campioncini. La Wahby consolida così la sua propensione alla formazione sportiva dei bambini e dei ragazzi, non solo come elemento di crescita fisica ma proprio come strumento di prevenzione della violenza e dell’emarginazione.

Con giovani atleti

Da anni, infatti, la Wahby porta avanti nelle scuole della provincia un progetto di prevenzione del bullismo attraverso lo sport. La boxe thailandese, così come gli altri sport da combattimento, infatti, prevedono un grande lavoro anche di maturazione emotiva attraverso il rispetto delle regole e lo sviluppo dell’autocontrollo, elementi che aiutano sia i “bullizzati” che i “bulli”.

La manifestazione è andata avanti anche nel pomeriggio con l’evento dedicato agli adulti dal titolo “Mal di Testa” per aggiudicarsi la coppa riservata alla migliore società. Oltre ai molti ragazzi della società pratese che hanno combattuto sul tatami, c’è stato l’esordio sul ring del giovane Romeo Meta e il match del più esperto Paolo Tresca. Entrambi si sono comportati molto bene sul quadrato, spendendo tutte le energie e combattendo in modo molto attento nonostante alla fine la vittoria non sia arrivata.

La lunga giornata di sport ha visto anche la premiazione per i 30 anni di attività consegnata al Maestro Francesco Mazzoni, fondatore del Kai Muay e tecnico molto apprezzato e conosciuto dagli addetti ai lavori.

[masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email