«MI PREOCCUPA IL SILENZIO DEL PD»

Piazza d’Armi
Piazza d’Armi

PISTOIA. “L’attenzione del Comune sulla messa in sicurezza e la riqualificazione del verde pubblico è massima sin dall’inizio del mandato. Già da molti mesi si susseguono sopralluoghi e attività di monitoraggio su tutte le aree a verde del territorio comunale, così da intervenire per tempo sulle criticità individuate”.

In seguito alla caduta di un ramo in piazza d’Armi l’amministrazione ha fatto il sopra citato comunicato.

Oggi più che mai occorre una linea di trasparenza anche nei comunicati, non pronunciamenti di tipo’ “cubano”. Proprio alla luce dei seri problemi di decoro urbano.

Non si può non notare, infatti una disorganizzazione oramai galoppante, solo il centro si salva, questo non senza una vera ingiustizia nei confronti dei cittadini che abitano le prime periferie.

La città un po’ ovunque è in stato di abbandono e purtroppo questo incide esteticamente nel paesaggio. Nelle vicine periferie c’è il bisogno di interventi di bonifica e taglio di arbusti (in principio piccoli cespugli: viale Adua, rotatoria del centro commerciale sulla Montalese, via Mabellini ma l’elenco sarebbe davvero lungo).

Decisamente peggiore la situazione dei parchi giochi dove davvero si avverte una assenza di custodia (atti vandalici con scritte e incuria).

Quello che preoccupa è senza dubbio il silenzio del Partito Democratico (a cui sono iscritto). Un silenzio che secondo me fa temere davvero quanto “certe stanze” della politica siano lontane dalle reali circostanze quotidiane dei cittadini e vicine invece ad interessi di parte e di nomenclatura.

Come è possibile infatti non leggere una dissociazione abissale tra il comunicato fatto dall’amministrazione e le reali condizioni di gran parte della città da lei stessa governata?

Massimo Alby

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento