MIGRANTI. BINI E FANUCCI AL MINISTERO: MA 16 PROFUGHI HANNO ABBANDONATO L’ALBERGO

Migranti
Migranti

ROMA-MARLIANA. Si è svolto ieri, mercoledì 26 pomeriggio, presso la sede del Ministero dell’Interno, l’incontro promosso da Edoardo Fanucci con il sottosegretario Domenico Manzione per discutere la situazione dei quaranta profughi ospiti di Marliana, arrivati in Valdinievole la scorsa settimana.

A ulteriore conferma dell’importanza e dell’urgenza dell’incontro, la notizia, confermata dalle autorità competenti, che sedici profughi hanno abbandonato la struttura alberghiera che li accoglie.

Al tavolo con il rappresentante del governo, oltre ai parlamentari del territorio, Caterina Bini e Edoardo Fanucci, hanno preso parte il presidente della provincia di Pistoia, Federica Fratoni, il vice presidente della Regione Toscana, Stefania Saccardi, il sindaco di Marliana, Marco Traversari, il prefetto Mauro Lubatti e il questore, Maurizio Manzo.

“Un incontro necessario – dichiarano Bini e Fanucci – che ha chiarito il contesto difficile e di massima urgenza nel quale è stata assunta la decisione di trasferire sul nostro territorio i migranti. Nei giorni scorsi, sono stati accolti sulle nostre coste oltre 5.000 persone arrivate dall’Africa, dalla Siria e dai Paesi del Medioriente nel corso dell’operazione ‘Mare Nostrum’. Una vera e propria emergenza umanitaria”.

Gli sbarchi, nei prossimi mesi, non sono destinati a diminuire, “per questo – proseguono i due deputati – abbiamo chiesto al sottosegretario di attivare quanto prima strutture e procedure in grado di garantire una gestione più ordinata dei flussi, attraverso la partecipazione della provincia, degli enti locali e delle associazioni del territorio, alcune delle quali hanno già offerto la loro disponibilità ad offrire collaborazione. Oltre a risolvere il problema esistente, dobbiamo occuparci di come prevenire e gestire le difficoltà future”.

Gli Onn. Bini e Fanucci al Ministero dell'Interno
Gli Onn. Bini e Fanucci al Ministero dell’Interno

Il sottosegretario, dopo aver ringraziato la comunità di Marliana per l’umanità e per la sensibilità dimostrate in questa non facile situazione, si è detto pronto a valutare e a concordare, con il prefetto e con il presidente della provincia, una nuova e più opportuna sistemazione dei migranti rimasti oggi a Marliana.

A tal fine, venerdì in prefettura a Pistoia, sarà organizzato un nuovo incontro al fine di definire tutte le iniziative da attuare in tempi strettissimi. “Abbiamo avuto conferma che anche per i profughi rimasti a Marliana sarà valutata la possibilità dell’inclusione nel progetto ‘Sprar’ – Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati – che coinvolge direttamente i Comuni garantendo accoglienza grazie alle risorse messe a disposizione dal Ministero dell’Economia e al contributo essenziale del Terzo settore. In questo modo, ci auguriamo sia possibile individuare una soluzione in grado di offrire, in tempi rapidi, una sistemazione dignitosa ai migranti, prevedendo, se possibile, anche misure di informazione e assistenza attraverso la costruzione di percorsi mirati di inclusione sociale”, hanno concluso i due parlamentari.

[comunicato onn. fanucci-bini]

redazione@linealibera.info

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento