misericordes. SITO INTERNET ANCORA SPENTO DOPO DUE MESI: CHIUSO PER FERIE O PER COVID?

Ilaria Signori (al centro) deve decidersi a fare aggiornare il sito oscurato dela Misericordia

 

Da più di sessanta giorni la legge è ignorata e può attendere la pubblicazione dei dati riguardanti i contributi pubblici: eppure in Misericordia di sono anche avvocati. A questi aspetti non ci pensano mai?

 


 

Chiuso per ferie o per Covid?

 

AGLIANA. Dopo che, a dcembre scorso, abbiamo segnalato delle incongruenze “contabili” sulla pagina web della Misericordia di Agliana relative alla mancata pubblicità dei contributi pubblici, alcuni volontari tornano sull’argomento e ci aggiornano che la pagina della Mise è ancora oscurata.

Lo “spiramento” sarà temporaneo, ma non è certamente dovuto a un disservizio di server o di rete, dopo sessanta giorni. Ci deve essere qualcosa di più serio. Mica saranno le anomalie legate alla mancata presenza dei bilanci originari o la mancata pubblicizzazione della somma dei contributi pubblici che devono essere obbligatoriamente resi pubblici a scanso di notevoli sanzioni?

Sessanta giorni di tempo sono una bella parentesi, che dovrebbe essere stata più che sufficiente a un competente professionista quale è il “misericordioso fiscalista” Fabrizio Poggiani, a fare gli aggiornamenti di legge.

Che succede a Agliana? Sarà una crisi di identità indotta dalla dimissione del Consiglio nazionale della Confederazione?

Il fiscalista Fabrizio Poggiani dovrà pure aggiornare i dati relativi ai contributi pubblici: cosa aspetta?

I malpancisti ci dicono che la trasparenza – quella vera – non è ancora arrivata; e ci raccomandano di riferire che la partecipazione dei cittadini, e dunque dei volontari, è fondata proprio su quella trasparenza negata, e con essa, la correttezza della gestione dell’associazione stessa. Una correttezza gestionale che arriverà solamente quando saranno possibili le iscrizioni a socio non condizionate, ovvero libere a tutti indiscriminatamente.

Il fiscalista Fabrizio Poggiani sarà il caso che si attivi alla pubblicizzazione per evitare le pene previste dalla legge 124/17: lui sa bene che, con la riforma del terzo settore, ci sono anche delle sanzioni penali a carico degli organi 8inadempienti; e che, comunque, anche le sanzioni economiche non sono poca cosa.

Intanto sarebbe anche il caso di sollecitare il Magistrato a liberalizzare le iscrizioni: è questa l’unica strada per rinnovare la partecipazione dei volontari, purtroppo in crisi d’identità.

Alessandro Romiti
[alessandroromiti@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email