misericordia e dolce. NON CI SONO MOTIVI PER SOSPENDERE L’ITER DELLE DEMOLIZIONI

L’ospedale Misericordia e Dolce di Prato

PRATO. Una nuova pagina si apre sulle demolizioni del vecchio Ospedale con l’Ordinanza del Tar della Toscana. Relativamente alla controversie che si erano generate nell’ordinanza di rigetto (n. 416/2020) il Tar Toscana ha evidenziato da una parte l’assoluta prevalenza dell’interesse pubblico generale ad un sollecito avvio dei lavori di demolizione del Vecchio Ospedale di Prato e, dall’altra, l’assenza per il ricorrente RTI RAD Service srl di elementi di estrema gravità tali da giustificare, al contrario, una diversa determinazione di accoglimento dell’istanza cautelare dallo stesso presentata.

Alla luce di tale inequivocabile motivazione dell’Ordinanza l’Azienda procederà senza ulteriori indugi alla contrattualizzazione definitiva dell’appalto aggiudicato ed al conseguente sollecito avvio dei lavori programmati da parte della ditta affidataria DAF.

[ponticelli – asl toscana centro]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email