misericordiosi (denojantri). LA MISERICORDIA ENTRA IN POLITICA?

Abbiamo ricevuto alcune immagini con preghiera di pubblicazione da un socio di un circolo che ci prega di accompagnare l'articolo con le sue più accorate proteste e il nome, scritto in chiaro. Alcune domande all'Arciconfraternita e alla Confederazione
Sezione dell’Arciconfraternita di Prato: che dice il Governatore Mannelli? I soci fondatori si rivolteranno nella tomba?

PRATO. Migliana è un piccolo borgo del Comune di Cantagallo con 400 residenti e stimati 150 elettori del Pd che andranno alle primarie del prossimo 3 Marzo, tenute nel resto della Provincia di Prato in oltre 50 circoli (quasi tutti Arci, cambia una “r” nella “s”, ma è tutt’altra roba).

Diversamente ci spiega il Sig. Elenio Pacini – nativo del borgo e fondatore e socio del Circolo Acsi (Associazione Centri Sportivi Italiani, riservato ai soli soci) che il circolo è a vocazione sportiva e deve essere estraneo a contaminazioni partitiche.

Elenio ci tiene a ribadire che la cittadinanza (lui usa un termine più genuino: popolo) lo ha eletto per garantire l’indipendenza dell’associazione, che non vuole che ci siano episodi destinati a caratterizzarla in senso così sfacciatamente partitocratico (Pannella ci perdonerà, ma la “razza padrona” è così che marca il territorio) e senza tanti pudori.

Il Circolo è riservato ai soci e solo loro sono autorizzati a entrarvi per poter consumare al banco, senza emissione di scontrini fiscali, proprio per la sua natura non lucrativa: forte è l’indignazione del sig.Pacini che intende ribadire la necessità di un’assoluta estraneità dalla politica, per tutti i partiti indistintamente “di nessuna razza”; ce lo ha ripetuto per tre volte con un tono indignato.

estratto elenco seggi per primarie:(Pd-PRato Web)

Elenio osserva anche come sia anomala la circostanza per la Misericordia locale: com’è che l’Arciconfraternita di Prato (Governatore Gianluca Mannelli) abbia potuto autorizzare la sede di Migliana per tale iniziativa che è fortemente connotata in senso politico?

Una cosa vergognosa, ci precisa.

E la Confederazione di via dello Steccuto (Presidente Roberto Trucchi) ha niente da dire su questa contaminazione?

Mentre la Federazione Toscana di Alberto Corsinovi che dice? Va tutto bene così?

Le Misericordie, dovrebbero viaggiare sulle “ruote del Vangelo” (Vescovo Mansueto Bianchi dixit) o devono invece impegnarsi in modo così sfacciato al supporto del P[artito] D[ominante]?

E il Pd di Prato che dice? È così che darà parola alla Democrazia come ha scritto nel manifesto di propaganda?

Il sig. Elenio, conclude con un invito a salire a Migliana la prossima domenica per vedere l’esito delle primarie: ci rilascerà un’intervista, ma ci avvisa che a noi non offrirà alcun aperitivo o caffè, certo che – non essendo soci – non potremmo entrare e, non ultimo – come bene sanno i lettori – perchè non siamo soliti farci attovagliare.

[alessandroromiti@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT09G0626013807100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “misericordiosi (denojantri). LA MISERICORDIA ENTRA IN POLITICA?

Comments are closed.