mons giovanni nerbini. UN NUOVO VESCOVO PER PRATO

Mons. Giovanni Nerbini, Vicario generale della Diocesi di Fiesole e parroco dell’Immacolata Concezione a Rignano sull’Arno (Firenze) è stato nominato stamani alla guida della Chiesa pratese. Succede a Monsignor Agostinelli che assumerà l'incarico di amministratore apostolico

 

Monsignor Nerbini, nuovo vescovo di Prato

PRATO. Monsignor Giovanni Nerbini, vicario generale della Diocesi di Fiesole e parroco dell’Immacolata Concezione a Rignano sull’Arno (Firenze) è il successore di monsignor Franco Agostinelli alla guida della Chiesa di Prato. “Uomo del dialogo e dell’incontro” ma anche sacerdote attento ai bisogni di ciascuno monsignor Nerbini è stato nominato dal Santo Padre e la comunicazione ufficiale è stata resa nota stamani da monsignor Agostinelli durante una convocazione diocesana in cattedrale e in contemporanea dalla sala stampa del Vaticano e dalla diocesi di Fiesole.

Il Bollettino N. 416 della Sala Stampa della Santa Sede di oggi informa:

“Il Santo Padre ha accettato la rinuncia al governo pastorale della diocesi di Prato (Italia), presentata da S.E. Mons. Franco Agostinelli.

Il Papa ha nominato Vescovo della diocesi di Prato (Italia), il Rev.do Don Giovanni Nerbini, del clero della diocesi di Fiesole, finora Parroco e Vicario Generale della medesima diocesi.

L’annuncio in cattedrale

Il Rev.do Don Giovanni Nerbini è nato il 2 giugno 1954 a Figline Valdarno, provincia di Firenze e diocesi di Fiesole. Dopo aver conseguito il diploma magistrale e il diploma universitario triennale in Vigilanza scolastica, ha svolto la professione di insegnante dal 1973 al 1989.

Nel 1989 è entrato nel Seminario diocesano di Fiesole e ha frequentato il corso filosofico-teologico presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze.

È stato ordinato presbitero per la diocesi di Fiesole il 22 aprile 1995. È stato Vicario parrocchiale a Caldine dal 1995 al 1997; Parroco di Pelago, Amministratore di Diacceto e Moderatore di quella Unità Pastorale dal 1997 al 2007; dal 2007 è Parroco di San Leone – S. Maria Immacolata a Sociana – S. Clemente e Moderatore dell’Unità Pastorale di Rignano sull’Arno. Dal 2015 è Vicario Generale della diocesi di Fiesole”.

 Monsignor Giovanni Nerbini è il 27esimo vescovo da quando è stata istituita la Diocesi di Prato e il terzo residenziale.

Originario di Figline Valdarno, 65 anni, da 24 anni sacerdote, monsignor Nerbini , dopo aver conseguito il diploma magistrale e quello triennale universitario in Vigilanza scolastica, ha insegnato nelle scuole elementari dal 1973 al 1989. Quindi, come educatore nell’Opera per la Gioventù “Giorgio La Pira” ha 35 anni è entrato in Seminario a Fiesole ed ha frequentato il corso filosofico-teologico presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale. 

Monsignor Nerbini

È stato ordinato sacerdote, a 41 anni, il 22 aprile 1995 dal Vescovo di Fiesole Luciano Giovannetti che subito lo ha impegnato nella vita parrocchiale: nei primi due anni di sacerdozio don Giovanni è stato vicario parrocchiale a Caldine, frazione del Comune di Fiesole; poi, per dieci anni, dal 1997 al 2007, parroco a Pelago, amministratore di Diacceto e moderatore di quella Unità pastorale. Nel 2007 diventa parroco di Rignano, il capoluogo del Comune del Valdarno, amministratore parrocchiale di S. Maria a Sociana-S. Clemente e moderatore di quella Unità pastorale. T

ra i numerosi incarichi ricoperti, c’è stato anche, per qualche tempo, quello di consigliere di amministrazione della Cooperativa editrice del settimanale “Toscana Oggi”. Nel 2015, l’attuale Vescovo di Fiesole, mons. Mario Meini, lo ha chiamato come suo Vicario Generale, pur lasciandogli ancora il ministero di parroco a Rignano.

Monsignor Franco Agostinelli, che ha lasciato il mandato episcopale per raggiunti limiti di età,m sempre su decisione di Papa Francesco assumerà l’incarico di amministratore apostolico.

La data della consacrazione episcopale e dell’ingresso in Diocesi di monsignor Nerbini ancora non sono state stabilite.

[Andrea Balli]

andreaballi@linealibera.info

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email