montagna da scoprire. QUANTI PONTI A SETTE PONTI

Antica terra di confine tra il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio è famosa per i suoi scavalcamenti. Fotogallery di cartoline d'epoca

SETTE PONTI. Appena oltrepassata Pracchia in direzione Bologna sulla traversa omonima (ex Strada Statale 632 oggi provinciale), al confine tra Toscana ed Emilia Romagna, sulla confluenza del torrente Orsigna con il fiume Reno, c’è un gruppetto di case e un groviglio di ponti.

Siamo a Sette Ponti, famosa per i suoi scavalcamenti, ma non solo, e antica terra di confine tra il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio.

In origine la località era conosciuta con il toponimo di Mulino del Pillotti, variato nell’attuale all’epoca della costruzione della Ferrovia Porrettana inaugurata nel 1864.

Tre ponti sono sul torrente Orsigna, uno sul torrente Faldo, affluente destro del Reno, uno sullo stesso fiume Reno e i rimanenti due, che in realtà sono solo dei semplici sottopassi, si trovano sotto la Traversa di Pracchia e sotto la Ferrovia Porrettana.

Nell’immagine tratta da una cartolina d’epoca un treno merci a vapore degli inizi del ‘900.

Marco Ferrari
[marcoferrari@linealibera.info]

Saluti da Sette Ponti
Panorama con i Ponti dell’Orsigna anni ’20
Sette ponti
Sette Ponti. Treno merci in transito
Sette Ponti
Vedutine di Pracchia
Inizio del ‘900. Passaggio del treno a vapore
La Galleria e i Ponti dell’Orsigna

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “montagna da scoprire. QUANTI PONTI A SETTE PONTI

Comments are closed.