montagna. FABBRI (FDI) SUL PIANO NEVE COMUNALE

Primo: non mettetevi in viaggio, secondo: scuole chiuse
Auto in colonna sulla Sr 66 nella valle del Reno

SAN MARCELLO. Questa volta è andato tutto bene, dopo l’allerta meteo con codice arancione emanato dalla Protezione Civile, sia la Provincia che i Comuni hanno fatto scattare prontamente il piano di emergenza neve e ghiaccio.

Già da domenica 25 febbraio, i telefoni dei cittadini hanno preso a squillare, e un messaggio registrato informava tutti dell’arrivo della grande perturbazione che avrebbe portato da lì a poco neve, vento e ghiaccio.

Si raccomandava di proteggere i contatori e di non mettersi in viaggio con mezzi propri ma di usare i mezzi pubblici.

Questo il primo passo del Piano Neve del Comune, il secondo è stato quello di chiudere le scuole.

In un primo momento, solo per il giorno 1 marzo, poi per il “perdurare delle avversità meteoriche particolarmente riferite ai fenomeni di gelate in essere” Il sindaco Marmo ha esteso il provvedimento anche per l’intera giornata del 2 marzo, e chiude “raccomandando a tutti la massima prudenza negli spostamenti a piedi e in auto”

Il Bruscello nella Valle del Reno

Perfetto e fin qui tutto bene.

Però dalle parole si dovrebbe poi passare ai fatti, e come sempre di fatti questi signori ne hanno fatto sempre pochi.

Ma a quei poveri sciagurati che, non andando più a scuola e non avendo la possibilità di stare a casa perché, la macchina non parte, perché hanno la febbre, perché devono andare in ospedale, o perché sono titolari di un’azienda, e purtroppo devono lavorare, chi ci deve pensare ?

Si dovrà assicurare anche a loro sicurezza e servizi necessari per non stare a casa? Oppure no!

Siete capaci signori amministratori di gestire le emergenze, annunciate ormai da giorni, oppure no?

Vi vorrete prendere le vostre responsabilità di Sindaci, presidenti di Provincia e di Regione

A noi non basta che vi nascondiate dietro un’ordinanza di chiusura delle scuole, se non siete capaci , dimettetevi e andate a lavorare!

Ieri sera e stamattina le strade erano in queste condizioni.

Giorgio Fabbri
Fdi Montagna Pistoiese

La sede stradale completamente ghiacciata

Il ghiaccio che ricopre l’asfalto

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento