MONTAGNA, IN ARRIVO 7 MILIONI DAL FONDO STATALE

Le risorse finanzieranno progetti degli enti locali per creare nuovo opportunità di crescita e sviluppo

Montagna, in arrivo 7 milioni dal Fondo statale

FIRENZE. Sostenere e rilanciare le aree montane, per contrastare lo spopolamento e creare nuove opportunità di crescita e di sviluppo. È questa la finalità cui saranno destinati i 7 milioni di euro provenienti dal Fondo nazionale per lo sviluppo delle montagne italiane” (FOSMIT).

La giunta regionale ha approvato nella sua ultima seduta la tranche toscana del fondo stabilendo di utilizzarla per finanziare gran parte dei progetti presentati nell’ambito del recente bando per la montagna.

Le risorse statali permetteranno quindi di scorrere quasi integralmente la graduatoria del bando che ha già permesso di finanziare progetti per 2 milioni di euro.

Questa ulteriore disponibilità permetterà di dare una ulteriore risposta alle richieste di Unioni dei Comuni montani e comuni montani.

I fondi serviranno a finanziare progetti molto eterogenei, volti a tutelare i territori montani e a promuoverli, a salvaguardare l’ambiente e la biodiversità, sviluppare le attività agro-silvo-pastorali, valorizzare l’energia da fonti rinnovabili e gli interventi di prevenzione sul dissesto idrogeologico, a intervenire su viabilità e sentieristica.

“È un pacchetto di interventi molto vasto che gli enti locali hanno predisposto tenendo conto delle esigenze più sentite sui territori” ha dichiarato la vicepresidente Stefania Saccardi.

“Questi fondi – ha proseguito — andranno quindi a sostenere in maniera significativa la qualità della vita e le condizioni di sviluppo di queste aree. I territori montani, questo l’obiettivo finale, devono diventare sempre più un elemento di crescita economica e sviluppo sociale”.

[orlandi  —toscana notizie]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email