MONTAGNA. PARTONO I CONSIGLI COMUNALI CON…FUSIONE

Comuni in con...fusione?
Comuni in con…fusione?

MONTAGNA. Intensa settimana, quella che si apre domani, lunedì 27, per gli amministratori dei Comuni della Montagna Pistoiese.

Ben quattro si riuniranno in consiglio per deliberare su varie ipotesi di fusione dei Comuni. Gli unici immuni dalla frenesia che ha investito la Montagna sono i Comuni di Sambuca Pistoiese e Marliana.

Lunedì 27 ottobre alle 18 si riunirà in sessione straordinaria il Consiglio Comunale di San Marcello Pistoiese, con il seguente ordine del giorno:

  • Comunicazioni.
  • Farmacia comunale di San Marcello Pistoiese – Determinazioni sulla modalità di gestione e del suo affidamento. Discussione e approvazione.
  • Proposta di fusione dei Comuni di Abetone, Cutigliano, Piteglio e San Marcello P.se. – Determinazioni.

San Marcello consiglio comunale del 27 ottobre 2014

Mercoledì 29 ottobre alle 14:30 si riunirà in sessione straordinaria il Consiglio Comunale di Piteglio, con il seguente ordine del giorno:

  • Comunicazioni del Sindaco.
  • Documento “Risoluzione in merito alle prospettive del Presidio Ospedaliero di San Marcello Pistoiese”. Discussione e approvazione.
  • Approvazione mozione a sostegno del percorso di fusione tra i Comuni di Abetone, Cutigliano, Piteglio e San Marcello P.se.

Piteglio consiglio comunale del 29 ottobre 2014

Mercoledì 29 ottobre alle 21 presso la sala convegni dell’Hotel Boscolungo, via Brennero n. 450 nel Comune di Abetone, è indetta un’assemblea congiunta tra i Comuni di Abetone e Cutigliano al fine di discutere della proposta di fusione tra i comuni di Abetone e Cutigliano.

Avviso Assemblea Pubblica Abetone e Cutigliano

Giovedì 30 ottobre alle 21 si riunirà in sessione ordinaria il Consiglio Comunale di Cutigliano, con il seguente ordine del giorno:

  • Lettura e approvazione verbali della seduta precedente.
  • Comunicazioni della Presidenza.
  • Proposta di legge alla Giunta Regionale volta alla fusione dei Comuni di Abetone e Cutigliano ai sensi degli artt. 58 e ss. della legge regionale 23 novembre 2007 n. 62.

Cutigliano consiglio comunale 30 ottobre 2014

Venerdì 31 ottobre. Anche il Comune di Abetone si riunirà in Coniglio, certa la data e almeno un argomento all’ordine del giorno che riguarderà, come per Cutigliano, la proposta di legge alla Giunta Regionale volta alla fusione dei Comuni di Abetone e Cutigliano ai sensi degli artt. 58 e ss. della legge regionale 23 novembre 2007 n. 62.

L’unica certezza è che su tutti incomberà l’impietosa legge sulle fusioni Comunali: In ogni fusione comunale, il Comune risultante fornirà qualità e servizi inferiori.

Buona fusione a tutti!

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “MONTAGNA. PARTONO I CONSIGLI COMUNALI CON…FUSIONE

  1. come già detto e scritto su tutti i giornali e siti compreso il suo per quanto mi riguarda come capogruppo di minoranza del comune di Abetone non siamo concordi con le fusioni di qualunque tipo, considerando il fatto che nessuno e dico nessuno è riuscito a dir che vantaggi ci sarebbero, l’unica cosa che brilla negli occhi a questa gente sono i $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ che arriverebbero come premio per la fusione, ma se è tanto utile la fusione perchè c’è l’elargizione di danari? nessuno che si sia messo a lavorare sul serio, per la montagna c’è uno strumento che è l’unione dei comuni, ma di questo se ne fregano altamente, dopo un anno e mezzo di vita non ha prodotto niente, se ne sono fregati della comunità montana (su quella spero venga fatta giustizia ma quello che vedo perdono tempo e si rischia che tutto venga messo a tacere con la prescrizione è una barzelletta) l’hanno lasciata morire senza convertirla nell’unione speciale dei comuni como tutti hanno fatto, poi come sommo studio quando si voterebbe per il referendum? insieme alle regionali, abbiate coraggio fatelo da solo il referendum ( paura è……) e invece di chiederlo come amministrazioni comunali perchè non farlo chiedere dai cittadini il referendum? non come dichiarato 200 firme raccolte su 10.000 abitanti raggiungete il 50% più uno siamo in democrazia no?

Lascia un commento