montagna. PETRUCCI (FDI): “ABETONE SENZA NEVE, È LA CRISI PEGGIORE, SIMILE AD UNA CALAMITÀ NATURALE!”

Sabato 7 gennaio seduta straordinaria del Consiglio comunale di Abetone Cutigliano con La Pietra e Giani. Consiglio convocato alle ore 21.00 presso la palestra di Abetone. “Chiederemo a Regione e Governo aiuti immediati a sostegno del settore neve” 

ABETONE CUTIGLIANO. “È la crisi peggiore, simile ad una calamità naturale! Chiederemo a Regione e Governo aiuti immediati a sostegno del settore neve. Lo faremo sabato 7 gennaio durante la seduta straordinaria del Consiglio comunale di Abetone Cutigliano che sarà convocata alle ore 21.00, presso la palestra di Abetone, alla presenza del Sottosegretario di Stato, Senatore Patrizio La Pietra, in rappresentanza del Governo nazionale, e del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani”.

Lo annunciano il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, nonché presidente del Consiglio comunale di Abetone Cutigliano, Diego Petrucci, ed il capogruppo di maggioranza e consigliere provinciale Andrea Tonarelli.

“E’ una delle crisi peggiori perché arriva dopo gli anni di pandemia e in piena recessione economica. Una situazione paragonabile alla calamità naturale! –sottolineano Petrucci e Tonarelli- Anche se tecnicamente non si può definire così, le conseguenze delle condizioni meteo di queste settimane sono le stesse di quelle di una calamità naturale, e serve perciò un intervento alla stregua di una calamità. Durante il Consiglio comunale di Abetone Cutigliano, sull’emergenza e la crisi in conseguenza della totale assenza di neve in Appennino, chiederemo a Regione e Governo di stanziare aiuti per le attività ed i lavoratori del settore turistico con la raccomandazione e l’attenzione che vadano soltanto a chi, veramente, ha subito e sta subendo danni”

[massimiliano mantiloni]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email