montagna.«VOGLIAMO L’OSPEDALE E NON L’ELISOCCORSO!»

«Signori in circa 70 ani di gestione comunista, senza offendere i comunisti, hanno portato, con i vari soggetti che si sono succeduti, alla totale rovina della montagna sia alta che bassa, con un solo obiettivo: desertificare il territorio per aver via libera per creare L’Oasi; sì precisamente l’Oasi»

SAN MARCELLO. Ospedale Pacini di San Marcello Pistoiese. Quotidiano La Nazione del 12 maggio 2017 «Pronto Soccorso, Firenze ci crede».

E come si riscontra tutte le volte che ci sono le elezioni in montagna, ecco che appaiono i baldi salvatori della patria e dei cittadini.

Intendiamoci il Baldi ancora no ma il Niccolai… eccolo, il Consigliere Regionale vorrebbe rassicurare tutti i cittadini della montagna che per quanto riguarda la salute non ci saranno più problemi, che loro si sono messi al lavoro, il punto di atterraggio dell’elisoccorso è terminato tutto è pronto, anzi no, non ancora: mancano le autorizzazioni anzi l’agibilità per l’esattezza, ma se ci mettiamo a riflettere èra proprio il sito giusto per creare la piazzola di atterraggio?

È proprio quella la priorità espressa dai cittadini? Era proprio il periodo giusto per fare i lavori di inerbamento del campo?

Ovviamente per noi no… Quel punto in base a direttive di volo non è il più idoneo specialmente se le condizioni meteo sono avverse, spesso il pilota preferisce atterrare al campo sportivo di Gavinana.

L’Ospedale Pacini di San Marcello

I cittadini chiedono la riapertura dell’ospedale non il potenziamento della sala di attesa di un punto di primo soccorso e la sala di attesa.

I cittadini della montagna sia alta che bassa vogliono la Chirurgia, con annessa sala operatoria e sala rianimazione, l’Ortopedia con annessi e connessi, insomma rivogliono l’ospedale e questi insistono a spendere un frano di soldi ovviamente pubblici per non fare nulla; parlano di zona disagiata e continuano a parlare di Piot, siamo zona disagiata o non siamo zona disagiata? Questi signori devono schiarire le idee e il cervello.

Signori in circa 70 ani di gestione comunista, senza offendere i comunisti, hanno portato, con i vari soggetti che si sono succeduti, alla totale rovina della montagna sia alta che bassa, con un solo obiettivo: desertificare il territorio per aver via libera per creare L’Oasi; sì precisamente l’Oasi.

Dicesi Oasi: Territorio riservato, in cui l’ambiente naturale è rigorosamente protetto.

Ora nella paura che il candidato Marmo e la sua lista non ce la facciano a superare queste elezioni amministrative, ecco mettere in campo le prime figure, Moreno Seghi e il dottor Rimediotti già nominato assessore con la promessa (e di solito mai rispettata) di rivedere l’uso della struttura.

Vi consigliamo di leggere questo articolo pubblicato sul Tirreno del 13/11/2014: http://iltirreno.gelocal.it/pistoia/cronaca/2014/11/13/news/ospedale-pacini-torna-il-pronto-soccorso-1.10302175

I coordinatori della Montagna Pistoiese
di Fdi-An e Fi

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento