montale. FOSSO DELLA BADIA, PROCEDONO I LAVORI PER LA NUOVA CASSA DI ESPANSIONE

La progettazione e realizzazione sono a cura del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno, grazie ai finanziamenti regionali di cui al Documento Operativo per la Difesa del Suolo e al contributo del Comune di Montale per un totale di poco meno di un milione di euro
Lavori in corso a Stazione di Montale 1

MONTALE. Lavori in corso per scongiurare i ricorrenti fenomeni di allagamento generati dall’esondazione dei due corsi d’acqua Fosso della Badia e Fosso dei Molini, che negli ultimi anni avevano interessato la zona industriale e l’abitato di Stazione di Montale nel Comune di Montale.

Le cause erano state individuate principalmente nella ridotta capacità di smaltimento delle portate dei due fossi in avvicinamento al centro abitato, specie del Fosso della Badia, tanto che da tempo era stata individuata a livello di pianificazione urbanistica un’area per la laminazione delle portate di piena dei corsi d’acqua alle spalle della stazione ferroviaria di Montale.

Dopo la progettazione preliminare a cura del Genio Civile la situazione si è sbloccata grazie ai finanziamenti della Regione per la progettazione e per la realizzazione dell’opera stanziati nei DODS (Documento Operativo Difesa del Suolo) 2017 e 2018 grazie ai quali il Consorzio di bonifica n.03 Medio Valdarno ha potuto completare gli studi e procedere con gara ed affidamento dei lavori, attualmente già in stato piuttosto avanzato. L’importo complessivo dell’intervento, a cui si è aggiunto anche un contributo comunale derivante dagli oneri urbanistici, è di poco sotto al milione di euro.

Cassa di espansione fosso della Badia

Obiettivo la realizzazione di una cassa di espansione che mira a ridurre il rischio idraulico senza intervenire pesantemente sul territorio; l’opera risulta infatti a basso impatto ambientale, in quanto le operazioni di scavo sono ridotte al minimo, così come il bilancio delle terre risulta pressochè in pareggio: le terre di scavo sono reimpiegate direttamente in loco per gli argini di contenimento della zona allagabile. In più si procederà con la risagomatura dei fossi in corrispondenza della cassa, il rifacimento dell’attraversamento di Via Vecchia Compietra e infine con il reinverdimento e la piantumazione di nuovi alberi per la ricostituzione di un corridoio ecologico lungo il Fosso della Badia.

“Un’opera strategica importante – commenta il Presidente del Consorzio Marco Bottino – che ancora una volta si concretizza grazie alla sinergia tra Comune, Regione e Consorzio di Bonifica che sa essere l’ente tecnico-operativo giusto per finalizzare, gestire e manutenere i sempre maggiori investimenti in sicurezza idraulica del territorio pistoiese”.

“Sono pienamente soddisfatto per l’attuale tempistica di esecuzione dei lavori – dice il Sindaco del Comune di Montale, Ferdinando Betti – Questa è un’opera di primaria importanza per la frazione di Stazione che andrà a scongiurare il rischio di alluvione al quale questa zona del territorio è sottoposta. Sono anni che si attendeva l’apertura del cantiere e l’impegno dell’Amministrazione è stato fattivo in tal senso grazie alla collaborazione di Regione Toscana e del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno”.

[consorzio medio valdarno]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email