MONTECATINI, CITTÀ CARDIOPROTETTA

Il sindaco Bellandi in conferenza stampa
Il sindaco Bellandi e il dottor Paolini in conferenza stampa

MONTECATINI. L’amministrazione comunale di Montecatini si farà carico della dotazione di dieci nuovi defibrillatori Dae, sia in tutti gli impianti sportivi a gestione diretta (Palaterme, Palavinci, Palestra Pascoli, palestra De Amicis; stadio Mariotti e sussidiario) che in strutture pubbliche sedi di uffici comunali (quali Villa Crema, Villa Perrotta, Polizia Municipale e Biblioteca) oltre che in aree ad alta affluenza di pubblico come piazza del Popolo.

Stamani in conferenza stampa è stato illustrato il progetto che l’amministrazione comunale avvierà dal 1° luglio, insieme ad importanti partner quali la Centrale operativa 118 Azienda Usl Toscana Centro e le pubbliche assistenze locali: un progetto complessivo sul tema “salvavita” che preveda, oltre alla suddetta dotazione di strumentazione, anche un programma di corsi formativi per abilitare il personale, in primis delle società sportive concessionarie e dipendenti comunali all’utilizzo del Dae.

Il Comune, inoltre, sempre grazie alla collaborazione del 118 e delle assistenze locali, darà il via ad un programma di corsi formativi gratuiti per abilitare all’uso dei defibrillatori sia il personale delle società sportive sia il personale comunale. Il primo corso, che prevederà la formazione di circa 80 persone, si terrà il pomeriggio di sabato 30 aprile al Palavinci.

“Un progetto di cui andiamo fieri e nel quale crediamo molto per il benessere e la salute di tutti, non solo di chi fa sport ma – ha detto il sindaco Giuseppe Bellandi in conferenza –. Abbiamo messo a bilancio una cifra di circa mille euro a defibrillatore e siamo convinti di averli spesi per qualcosa di davvero importante. I nostri tutor in questa operazione di salute saranno i responsabili del 118, ho chiesto una mano al direttore Piero Paolini per far capire quanta importanza abbiano i defibrillatori non solo negli impianti sportivi, ma direi in tutta la città, per attuare un progetto salvavita davvero capillare e ben strutturato. Pensate che in Svizzera i defibrillatori ormai vengono messi anche nei condomìni… Un grazie particolare per l’avvio di questo importante step all’ufficio sport del Comune e anche alla Consulta dello Sport”.

“Sono tante le vite salvate nella provincia di Pistoia grazie al progetto di defibrillazione precoce Chiamalavita – ha detto il direttore della centrale operativa 118 Piero Paolini – Dal 2003, anno in cui è iniziato questo importante percorso di prevenzione, sono stati 218 i pazienti rianimati e salvati da un decesso improvviso e sono alcune migliaia le persone (tra volontari, soccorritori, personale sanitario e comuni cittadini) formati e abilitati all’utilizzo del defibrillatore.

Numeri importanti che hanno portato il territorio della provincia pistoiese ai vertici nella casistica addirittura internazionale per il numero di morti evitate dall’arresto cardiaco. Morti che possiamo contare in 60mila l’anno a livello nazionale: saper usare un defibrillatore e utilizzarlo nei tempi giusti significa ridare la vita a chi la sta perdendo. Per questo ringrazio già da ore le associazioni di volontariato con cui abbiamo un forte legame”.

In tale contesto è interesse del Comune avviare anche con altre categorie cittadine un percorso partecipato e condiviso – ha detto la responsabile dell’Ufficio sport Simona Pallini – che , oltre a sensibilizzare su una tematica fondamentale e attuale del welfare, porti, attraverso la messa in campo di azioni mirate, a qualificare l’immagine di Montecatini Terme quale città Cardioprotetta. Tale percorso diventa coerente con la politica complessiva di promozione dei settori del benessere e della salute in generale e può diventare un ottimo volando anche da un punto di vista turistico”.

Riferimenti normativi. La scadenza dell’obbligo di dotazione degli impianti sportivi è del 1° luglio 2016, prevista dalla Lr 68/2015. Vista la Lr n. 68 del 9/10/2015, avente ad oggetto “Disposizioni per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni nell’ambito della pratica fisica e sportiva” in particolare quanto previsto dall’art. 4 il quale distingue due tipi di obbligo: quello di dotazione dei defibrillatori che è sempre in carico dei gestori (comma 1) e quello di assicurare la presenza di personale autorizzato all’uso del defibrillatore durante lo svolgimento dell’attività sportiva (comma 6).

Visto l’atto di indirizzo, sottoscritto nell’ambito della Consulta Comunale dello Sport del 29/2/2016 da parte delle società sportive concessionarie di spazi presso gli impianti sportivi comunali, si invita il Comune di Montecatini – in quanto soggetto proprietario e gestore diretto di alcuni impianti sportivi (Palaterme, Palavinci, palestra Pascoli, palestra De Amicis; stadio Mariotti e sussidiario) – a dotare gli stessi di defibrillatori semiautomatici esterni ai sensi di quanto previsto dall’art. 5 c. 6 del Decreto “Balduzzi”.

Comune Montecatini
Asl Centro

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento