montecatini. GERARCHIE DI PARTITO CONTRO LA NOSTRA SALUTE

L'amara riflessione a margine del consiglio comunale di Montecatini Terme.
inceneritori_morte
Renzi-politica. Effetto inceneritori

MONTECATINI. Stasera ho capito. Ho capito che chi ci amministra grazie al voto di scambio e d’amicizia, non sa le cose. Non le sa o non gli interessano perché è importante solo far carriera o almeno aver l’illusione di farla all’interno di quel carrozzone che è il Pd.

Capita allora, sentire il Sindaco di Montecatini, che considero il comune più rappresentativo della Valdinievole (non me ne vogliano gli altri ma è sano campanilismo) dire che “meglio l’inceneritore della Terra dei Fuochi” e allora lo spieghi ai cittadini di Montale, Quarrata, Agliana la cui incidenza tumorale è pari a quella della Terra dei Fuochi e per alcune tipologie di male anche superiore.

Lo spieghi a quei cittadini della Piana Fiorentina che ho incontrato a Firenze in Regione e con le lacrime dicevano di voler vendere casa perché loro i figli non volevano farli morire.

Ho sentito dire che chiedere alla propria amministrazione di dichiararsi contrari alla definizione di “strategico” per gli inceneritori è scorretto perché anche la differenziata non è così remunerativa e allora ti chiedi perché all’estero con le bottiglie di plastica usate ti puoi pagare la spesa o perché la rossissima Emilia Romagna paga 700.000 € al Comune di Parma in quanto virtuoso con il suo quasi 66% di differenziata che, è statisticamente provato, si può ottenere solo con la raccolta porta a porta.

Il consiglio comunale di Montecatini
Il Consiglio comunale di Montecatini

E poi anche se fosse, sarebbe l’ennesima dimostrazione che quando si parla di salute non si può privatizzare, chissà che ne pensa il Sindaco di Rodigo che ha mantenuto la raccolta in house aumentando la qualità del servizio e della differenziata ed abbattendo i costi, vincendo poi la causa intentatagli dal gestore privato.

Non sanno oppure non gli interessa, che il nostro gestore si ferma al 40% di differenziata quando la legge impone il 65% perché loro continuano a prorogare un contratto vecchio, che a Montale potranno arrivare rifiuti da tutta Italia, anche dalla Terra dei Fuochi, e che bruceranno tutto perché loro guadagnano sulle tonnellate, non sulla qualità.

Non sanno o non gli interessa che con l’art 35 dello Sblocca Italia che stasera hanno deciso di non contestare ufficialmente, domani il Governo potrà fare un inceneritore accanto all’Ipercoop e ne loro ne noi cittadini potremo fare niente in quanto strategico.

A loro interessava non dover prendere posizione contro il Governo, perché li c’è Renzi il grande capo; a loro basta dichiararsi fedeli e fidi…

Ma loro non sanno. A loro non interessa.

Simone Mangani
Gruppo Movimento 5 Stelle Montecatini

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “montecatini. GERARCHIE DI PARTITO CONTRO LA NOSTRA SALUTE

  1. Riguardo al comunicato “Gerarchie di partito vengono prima della nostra salute” vorrei precisare che con “voto di scambio” intendo la facilità di alcuni elettori nel concedere il proprio voto in cambio di “promesse generiche” senza verificare i progetti o i lavori che il candidato porta avanti una volta eletto.
    Nella definizione di Wikipedia infatti si parla anche di promesse lecite. Troppo spesso, ad esempio, in piccole realtà come la nostra un cittadino si trova a chiedere aiuto ad un consigliere che conosce, per risolvere problemi che dovrebbe riuscire a risolvere facilmente negli uffici comunali.Trovando sostegno poi si sente in dovere di ricambiare con il proprio voto senza conoscere l’effettivo programma che il politico appoggia con i suoi voti.
    Non ho mai pensato a compravendita di voti o fatti illeciti che avrei altrimenti denunciato nelle sedi opportune

    Simone Magnani

Lascia un commento