montecatini. MERCATO COPERTO, LA GIUNTA BELLANDI HA FATTO L’INTERESSE DEI CITTADINI?

mercatocoperto1
Mercato coperto

MONTECATINI. La pubblicazione della determinazione n. 576 del 06/07/2016 con oggetto “Concessione di fondi presso il Mercato comunale coperto di Montecatini Terme ubicato in via Mazzini, 55 – Aggiudicazione definitiva ad Immobiliare Padulette srl con sede in Roma”, sancisce la nomina della società vincitrice del bando esplorativo, quale interlocutore unico per la gestione dei fondi collocati nell’area Mercato Coperto.

«L’Amministrazione Comunale, dopo i nostri ripetuti interventi per la vicenda “Bando Mercato Coperto” – fa sapere Massimiliano Ciervo di Indipendenza Civica – tramite il funzionario incaricato ha finalmente “comunicato”, con notifica ufficiale, l’esito del bando esplorativo. Quello che però emerge dalla lettura del documento lascia sbalorditi ».

A questo proposito si legge in un comunicato:

In pratica, oltre a comunicare il risultato del bando, in attesta che si perfezioni quanto previsto nel bando stesso tra il comune e il nuovo soggetto concessionario, si concede un ulteriore proroga, fino al 30 settembre, alle attività commerciali attualmente attive nell’area del Mercato Coperto.

Non solo, e questo è il bello, si puntualizza in modo imperativo che i fondi occupati dovranno essere lasciati liberi e vuoti da persone o cose entro la stessa data.

Quindi, l’amministrazione comunale, dopo che per quasi un anno di continue proroghe e relativo canone percepito, col presente atto amministrativo, vuole scrivere la parola fine alla questione Mercato Coperto.

Notifica 1
Notifica 1

Il tutto, però, comporta mettere alla porta chi fino ad oggi ha svolto e legato il proprio nome e attività commerciale al luogo.

Ma quello che più rende sconcertante questa vicenda è che attraverso questo comportamento si vorrebbe far credere che gli amministratori comunali hanno cura dell’interesse della comunità!

Il bene pubblico, perché di un bene di tale natura si tratta, secondo questo progetto ad personam, nato da alcune delle menti eccelse disponibili nell’entourage dell’attuale giunta comunale, attraverso questo “processo” amministrativo, dovrebbe dare una spinta propulsiva all’economia della zona con il relativo frutto d’interesse per l’intera comunità.

Per ottenere il risultato non si esita nemmeno un istante a cacciare, chi comunque, ha fino ad oggi dato il proprio contributo attraverso la propria attività lavorativa e non solo, per mantenere a reddito l’area in questione, per poi concedere al famoso interlocuore unico, per il solito progetto pindarico che naturalmente farà l’interesse della comunità (ci sia permessa l’ilarità), e questi signori politici si aspettano che i concittadini credano a questo sceneggiato della buona politica amministrativa locale, dopo quello visto negli ultimi sette anni da questa maggioranza Pd?

È giunto il momento di fare chiarezza su questa vicenda che è palesemente poco chiara, specie nelle dinamiche che hanno portato all’ultimo risultato.

La chiediamo sul progetto Mercato Coperto, per capire come sia possibile utilizzare questi sistemi da regime antidemocratico in chiaro stile renziano, contro i commercianti attualmente presenti e interessati alla permanenza delle proprie attività nelle sedi attualmente occupate.

Notifica 2
Notifica 2

Stiamo parlando, ribadiamo, di attività ultra ventennali che hanno legato la propria immagine al Mercato Coperto; non lo possiamo accettare.

Crediamo che l’area in oggetto, patrimonio della comunità di Montecatini Terme, abbia bisogno di uno sviluppo che comunque includa anche la voce dei cittadini tutti e non solo quelli interessati, magari attraverso progetti ad personam.

Basta utilizzare il patrimonio pubblico con il misero intento di conquistare consenso elettorale!

Per questo stiamo valutando come impugnare giuridicamente questo bando; lo dobbiamo come segno di rispetto, in questo caso, verso questi commercianti abbandonati a se stessi dalla politica locale intenta solo al recupero della credibilità.

Ma non solo: riteniamo che la Giunta Bellandi bis non abbia fatto effettivamente l’interesse dei cittadini in questa vicenda.

Solo forte indignazione per chi amministra in questo modo la città.

Indipendenza Civica
Gruppo Montecatini Terme

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento