montecatini. TERME, MAGNANI (M5S): SOCIETÀ A RISCHIO COLLASSO

Simone Magnani: “Il Comune di Montecatini in oltre due anni non ha prodotto un solo progetto di risoluzione della crisi da proporre in Assemblea dei Soci”

Terme di Montecatini

MONTECATINI. Le notizie emerse nella Commissione di controllo delle società partecipate, in merito allo “stato di salute” della Società Terme di Montecatini destano pesanti preoccupazioni.  

La cassa segna una difficile situazione, la Società sta velocemente andando “in riserva” e ben presto non sarà in grado di sostenere la propria continuità aziendale.

Dall’inizio di questo mandato abbiamo chiesto al Sindaco di farsi parte attiva nel processo di salvataggio della nostra Società identitaria. Abbiamo più volte fatto votare al Consiglio atti di indirizzo perché il Comune cessasse il proprio atteggiamento attendista e mettesse in campo “mezzi propri” per spingere anche il sordo socio di maggioranza ad intervenire.

Dall’inizio di questo mandato più volte abbiamo messo in guardia il Sindaco sulla pesante proiezione che la Società aveva per il futuro e su quanto i tempi fossero ormai scaduti.

Dal primo giorno della mia candidatura ho sempre cercato di rendere il tema Terme un argomento apolitico.

Simone Magnani (M5S Montecatini)

Tutti i nostri avvisi, tutti i nostri sforzi collaborativi sono caduti nel vuoto. Il Comune di Montecatini in oltre due anni non ha prodotto un solo progetto di risoluzione della crisi da proporre in Assemblea dei Soci.

Il risultato di tanta inattività è una Società a rischio collasso che oggi non può avere la certezza, nemmeno, di riuscire a guidare una liquidazione in modo ordinato e coordinato mettendo a rischio un patrimonio immobiliare inestimabile, una certificazione Unesco e tutte le convenzioni in atto con il SSN. In poche parole il futuro del Società non è mai stato così nero e con lei quello della città tutta.

Da sempre abbiamo sostenuto che l’onere del “salvataggio” della Società spettasse al “Pubblico”

Da sempre parliamo di risanamento necessario per mantenere il patrimonio in mano pubblica ed affidare la gestione degli stabilimenti a privati di comprovata esperienza nel settore.

Oggi ribadiamo questi concetti in ogni sede e, come minoranza, ci siamo nuovamente attivati per far arrivare le nostre idee sui tavoli Ministeriali.

La procedura di bando che sta volgendo a termine non solo non sarà risolutiva ma rischia di diventare addirittura dannosa per il tempo che ci ha fatto perdere e per l’immagine che ne deriverà. Dobbiamo lavorare duramente ad uno schema di intervento pubblico a tutela del patrimonio immobiliare, umano e d’immagine di questa Società, spingendo la Regione ad attuare i nostri indirizzi coordinando gli interventi di tutti gli attori pubblici in gioco.

Montecatini Terme è una risorsa per l’Italia e le sue Terme sono un Bene Comune che appartiene all’Umanità, non possiamo arrenderci!

Simone Magnani — Movimento 5 Stelle Montecatini

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email