montecatini. UN BILANCIO ACCETTABILE SOLO IN UN COMUNE COMMISSARIATO

La forte delusione e preoccupazione dei gruppi di minoranza sul bilancio presentato dalla Amministrazione Baroncini

Il Comune di Montecatini

MONTECATINI. I gruppi di minoranza esprimono forte delusione e preoccupazione per il bilancio presentato dall’Amministrazione Comunale. Un Bilancio che sarebbe accettabile solo in un Comune commissariato ma assolutamente inadatto ad una città che ha bisogno di una guida forte per uscire da una crisi che fa più paura per il futuro rispetto a quanto già superato.

Nel pluriennale elaborato dalla Giunta Baroncini non c’è alcuna impronta politica, nessuna assunzione di responsabilità ma soprattutto nessuna delle promesse fatte nelle ultime settimane verrà mantenuta. Totalmente assenti misure di sostegno alle attività, comprese quelle ricettive di cui il Sindaco si era eretto a “primo albergatore”, nessun aiuto alle famiglie per superare una crisi pesantissima, nessuna agevolazione sulla Tari come aveva promesso l’Assessore o aiuti per affitti o buoni spesa oltre a quelli tradizionalmente finanziati dalla Regione.

Tutto rimandato alla responsabilità dello Stato e della Regione come d’abitudine per Baroncini che però non ha saputo utilizzare e destinare alla città i sette milioni già erogati dal Governo nel 2020.

I fondi destinati al turismo, venduti come risultato entusiasmante, oltre che insufficienti a coprire un’intera stagione turistica finiscono in un comparto privo di qualsivoglia programmazione sia a breve che a medio lungo termine.

Assenza di presa di responsabilità anche sul fronte Terme. La Società, che sta vivendo giorni drammatici sull’orlo della chiusura, non solo non trova la propria importanza nel Bilancio dell’ente ma viene totalmente abbandonata, con impatti devastanti sulla continuità aziendale e di conseguenza sulla possibilità per la città di ideare un prodotto turistico di qualità e di impronta termale come la nostra storia ed identità ci impone.

Il Bilancio che il 28 Aprile il Consiglio Comunale si troverà a valutare e votare è la certificazione del fallimento totale di questa esperienza amministrativa. Un Bilancio che finirà di affossare una città in profonda difficoltà. Rivolgiamo quindi un appello ai tanti esponenti della maggioranza che privatamente ci hanno più volte espresso la delusione per questa esperienza amministrativa e li invitiamo a non proseguire oltre un percorso fallimentare.

Fino a quando l’importanza di una seduta comoda supererà quella del salvataggio e rilancio della nostra città?

Gruppo PD

Gruppo Movimento 5 Stelle

Gruppo Italia Viva

Gruppo Bagnaioli

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email