montecatini. “VITA” DI ANNIGONI ANCORA UN ANNO AL ‘MOCA’

Rinnovato il comodato d’uso gratuito con la Fondazione del Credito Valdinievole fino al 30 aprile 2017
"Vita" di Pietro Annigoni
Vita di Pietro Annigoni

MONTECATINI. L’amministrazione comunale ha stipulato un comodato con la Fondazione del Credito Valdinievole per l’uso gratuito dell’opera “Vita” del maestro Pietro Annigoni che dal 2008 dopo il suo restauro si trova nella sala al piano terra del municipio all’interno della galleria civica “Moca” allestita negli ex locali delle poste.

Il dipinto, una gigantesca tela di 6,2 x 3,5 metri rappresentante un’allegoria della Crocifissione, dove sulla croce, al posto del classico «Inri», campeggia la scritta Coca Cola, restaurata grazie ad un contributo finanziario del Comune, a seguito di regolari contratti di comodato d’uso gratuito rinnovati ogni anno con l’Accademia d’Arte “Dino Scalabrino”, recentemente è stata acquisita dalla Fondazione del Credito Valdinievole ed è stata collocata per reciproca decisione all’interno della Galleria.

Si tratta di uno dei quadri più grandi realizzati da Annigoni e secondo la critica è l’emblema del contrasto tra il bene e il male nonché “opera esemplificativa della critica che l’artista muoveva nei confronti di una società proiettata verso il consumismo e il conformismo”.

L'ingresso al Moca
L’ingresso al Moca

La Fondazione presieduta dal geometra Valentino Pieri si è resa disponibile a rinnovare alle stesse condizioni il comodato fino al prossino 30 aprile 2017 “nell’interesse comune di garantire all’opera in questione una adeguata collocazione ed in considerazione che la stessa costituisce elemento artistico di indubbia e riconosciuta rilevanza all’interno dello spazio espositivo Moca.

L’opera (il cui valore si aggira attorno ai 900 mila euro) è coperta da assicurazione, in quanto inserita nella polizza All Risk Oggetti d’Arte n. 413432 stipulata dal Comune con Axa Art Versicherung Ag – Rappresentanza Generale per l’Italia, come risulta da comunicazione della U.O. Economato e Provveditorato del 13 luglio 2016.

Tra le funzioni del Comune vi è la valorizzazione e la tutela, nell’ambito del proprio territorio, dei beni artistici e culturali presenti. Inoltre è compito specifico dell’assessorato alla cultura curare la valorizzazione dei beni culturali, “intesa come attività diretta a migliorare le condizioni di conoscenza e conservazione dei beni culturali ed ambientali, e ad incrementarne la fruizione attraverso la promozione di attività culturali, articolate in una progettualità complessiva che tenga conto della molteplicità delle tendenze, delle vocazioni territoriali, della concentrazione delle risorse, volta alla costruzione di un forte tessuto culturale e alla definizione di un consolidato patrimonio artistico”.

[Andrea Balli]

Vedi: Determina

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento