montemurlo a ebensee. IL VIAGGIO DELLA MEMORIA

La consigliera Valentina Vespi ha rappresentato l’amministrazione alle celebrazioni in ricordo dei deportati. Una corona d’alloro a Gusen per Erasmo Meoni
La consigliera Valentina Vespi a Ebensee
La Consigliera Valentina Vespi a Ebensee

MONTEMURLO. Anche quest’anno Montemurlo non è voluto mancare all’appuntamento con la memoria ed ha partecipato al viaggio, promosso dall’Aned, dal Museo della Deportazione di Prato e dall’associazione per il gemellaggio “Prato-Ebensee” in Austria.

A rappresentare l’amministrazione comunale era presente la consigliera, Valentina Vespi (insieme al gonfaloniere Carmine Baiano), che a nome di tutta la comunità montemurlese ha deposto una corona d’alloro al memoriale del campo di sterminio nazista di Gusen, dove perse la vita Erasmo Meoni, operaio di Bagnolo, catturato a Prato in seguito agli scioperi del marzo 1944 e morto di stenti nel lager nel dicembre dello stesso anno.

« Ricordare questo terribile periodo storico, le persecuzioni e le violenze subite dai milioni di deportati, ci deve essere da monito e da insegnamento per affrontare i grandi problemi dell’oggi – ha detto Valentina Vespi –. L’immagine più bella che conservo del viaggio sono i volti dei tanti ragazzi che hanno preso parte all’esperienza e che hanno avuto modo di ascoltare le testimonianze dirette degli ultimi deportati sopravvissuti. Sono loro i veri portatori di fratellanza e sta a loro continuare questo importante lavoro sulla memoria».

Vespi ha poi voluto ricordare il ruolo di fondamentale importanza svolto dal Museo della Deportazione e della sua direttrice, Camilla Brunelli, nel continuare la ricerca e l’approfondimento sulla deportazione.

La delegazione pratese, composta tra gli altri dai Comuni di Prato, Vaiano, Vernio e Poggio a Caiano, ha visitato il castello Harteim, dove furono uccisi migliaia di disabili, il memoriale di Ebensee e le grotte scavate nella montagna, poco distanti dalla cittadina sul lago, dove i nazisti stavano progettando la costruzione di armi di distruzione di massa. Molto toccante la cerimonia d’inaugurazione della Croce, progettata nel 1948 da Giò Ponti, al memoriale dei deportati italiani nel cimitero di Ebensee, restaurata grazie al contributo dell’Aned, alla quale ha preso parte il suo vice presidente nazionale, Dario Venegoni.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento