montemurlo. COMUNE “GREEN”: AL VIA AI CONTRIBUTI PER L’ACQUISTO DI AUTO, MOTO E BICI ELETTRICHE

I contributi comunali sono cumulabili con l’eco bonus concesso dallo Stato. Fino a 1.100 euro per l’acquisto di auto elettriche o ibride
Contributi per la mobilità

MONTEMURLO. Si può fare qualcosa di concreto per l’ambiente modificando i nostri stili di vita, ad esempio scegliendo di acquistare auto o bici elettriche per abbattere le emissioni in atmosfera pur mantenendo le stesse prestazioni di un veicolo alimentato a benzina o diesel.

Montemurlo è sempre più “green” e anche quest’anno il Comune incentiva la mobilità sostenibile attraverso la concessione di contributi per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita, auto elettriche o ibride, ciclomotori elettrici e pompe di calore (qualora acquistate in sostituzione dell’impianto di riscaldamento tradizionale e già esistente).

In tutto sono stati stanziati 11 mila euro, fondi che potranno essere erogati ai cittadini residenti a Montemurlo e alle aziende con sede legale sul territorio. Sono previsti anche contributi per la trasformazione a gas metano di autoveicoli.

I finanziamenti potranno essere sommati all’ecobonus già concesso dallo Stato. Le domande di ammissione al finanziamento possono essere presentate fino al prossimo 29 febbraio 2020.

Simone Calamai

Ci sarà poi quasi un anno a disposizione — entro il 31 dicembre 2020 — per acquistare effettivamente un mezzo ecologico o sostituire la vecchia caldaia, e quindi per presentare, dopo l’ammissione in graduatoria, la richiesta di liquidazione del contributo.

I finanziamenti saranno erogati nella misura di 150 euro per l’acquisto di una bicicletta a pedalata assistita (elettrica), di 360 euro per un ciclomotore elettrico, di 1.100 euro per l’acquisto di un’autovettura elettrica o ibrida (per le ibride il mezzo deve essere dotato di motore termico ed elettrico); tutti i veicoli devono essere nuovi di fabbrica.

Infine ammonta a 515 euro il contributo che il Comune concederà per la trasformazione a gas metano di un’autovettura indipendentemente dalla data di immatricolazione e direttiva euro e di 800 euro quello per la fornitura e la posa in opera della pompa di calore per la produzione caldo /freddo e acqua calda sanitaria in sostituzione dell’impianto tradizionale esistente, alimentato a combustibile fossile gassoso, liquido o biomassa.

« I contributi rappresentano un ulteriore tassello nella politica attuata dal Comune per favorire la sostenibilità ambientale. — spiega il sindaco Simone Calamai — Un’altra azione concreta per ridurre le emissioni in atmosfera e migliorare la qualità dell’aria che respiriamo ogni giorno.

I contributi per auto, bici e moto elettriche e per la trasformazione degli impianti di riscaldamento tradizionali — prima causa di immissione di particolato in atmosfera — con pompe di calore, seguono le azioni messe in atto già da quest’estate come la messa al bando delle plastiche monouso in eventi pubblici sul territorio o ancora alla campagna di promozione della scelta dell’acqua del rubinetto.

L’assesore Alberto Vignoli

Azioni semplici ma che possono rappresentare molto per il nostro Pianeta».

È importante sottolineare che ad oggi per l’acquisto di automobili e ciclomotori elettrici e ibridi viene erogato un eco-bonus da parte dello Stato, che si attesta intorno ai 6 mila euro.

«Si tratta di un contributo all’acquisto o alla rottamazione, che viene concesso direttamente dal concessionario al momento dell’acquisto e senza che l’acquirente ne faccia richiesta. — spiega l’assessore all’ambiente, Alberto Vignoli – L’ecobonus statale è cumulabile con i finanziamenti concessi dall’amministrazione comunale che rappresentano un ulteriore sconto per chi decide di avvalersi di un mezzo ecologico».

L’assessore Vignoli ricorda poi le fasi per ottenere il finanziamento. « Coloro che hanno intenzione di acquistare un mezzo elettrico o di sostituire la vecchia caldaia hanno tempo fino al prossimo 29 febbraio per presentare domanda attraverso la compilazione del modello A che si trova nella sezione “ambiente” e “mobilità” del sito istituzionale.

Nel mese di marzo tutte le domande saranno valutate e sarà fatta una graduatoria degli aventi diritto. Solo a questo punto il cittadino potrà decidere se effettivamente procedere all’acquisto e dunque, con la ricevuta dell’avvenuto pagamento, richiedere la liquidazione del contributo (modello b) non oltre il 31 dicembre 2020».

L’avviso e la modulistica posso essere scaricati dal sito internet del Comune di Montemurlo (www.comune.montemurlo.po.it), oppure richiesti presso l’Area B, “Qualità del territorio e del patrimonio” (via Toscanini 1 59013 Montemurlo) – tel 0574 – 558326/339 mail: alessandra.casali@comune.montemurlo.po.it, mascia.cecchi@comune.montemurlo.po.it.

I moduli di richiesta dei contributi sono molto semplici ma l’ufficio è a disposizione per fornire supporto nella compilazione delle domande e ogni chiarimento in merito. 

[masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email