montemurlo. COVID, A 74 ANNI SCOMPARE BRUNO CASCINI

Le condoglianze del sindaco Simone Calamai ai familiari

Bruno Cascini

MONTEMURLO. Il Covid si è portato via un altro nostro concittadino. Ieri, 5 marzo, all’ospedale Santo Stefano di Prato è morto Bruno Cascini, 74 anni, residente in via Carducci a Montemurlo.

A darne notizia è il sindaco Simone Calamai che ha subito chiamato i familiari per esprimere le proprie condoglianze. “Ancora una volta desidero stringermi a nome di tutti i montemurlesi, ai familiari di Bruno, in particolare ai figli Valentina, Sonia ed Enrico per questa dolorosa perdita”, dice il sindaco Simone Calamai.

Bruno Cascini era originario di Cortona (Arezzo), della frazione di San Pietro Adame. Si era trasferito a Montemurlo il 20 maggio 1970, dove aveva trovato lavoro come operaio tessile alla Sirpa, la ditta nella quale è rimasto fino alla pensione. Per uno strano scherzo del destino, Bruno è morto lo stesso giorno della moglie, scomparsa sei anni fa.

Da allora, come raccontano i tre figli, Sonia, Valentina ed Enrico, Bruno era diventato l’uomo di casa: faceva la spesa, cucinava e faceva le pulizie. Un vero pilastro per tutta la famiglia e per i due nipotini.

Le figlie lo ricordano come un uomo buono, “un vero pezzo di pane”, sempre pronto ad aiutare chi ne aveva bisogno, sempre corretto e leale con tutti.

Bruno Cascini soffriva di altre patologie che  purtroppo il Covid ha aggravato. Da circa un mese Bruno era ricoverato in rianimazione e i figli lo hanno potuto rivedere e salutare solo grazie alla profonda umanità di una dei medici del reparto, Sara Bagazzi, che ha fatto due video chiamate ai familiari che così hanno potuto dire addio al proprio padre.

[comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email