montemurlo. CRONOCOPPIE “CURE TO CHILDREN”

Sabato 8 ottobre alle 14:30 parte la gara ciclistica promossa dalla Ca Montemurlo. Si raccolgono fondi a favore dei bambini malati di tumore dei Paesi in via di sviluppo. Alla fine esibizione di handbike con Christian Giagnoni, neo campione del Giro d’Italia
Cronocoppie, una delle edizioni passate
Montemurlo. Cronocoppie, una delle edizioni passate

MONTEMURLO. Al via l’ottava edizione della crono coppie “Cure to children”, la gara ciclistica che mette la solidarietà su due ruote e la fa viaggiare lontano.

Sabato 8 ottobre alle 14:30 da via Montalese 569 (di fronte alla sede dell’associazione sportiva) parte l’edizione 2016 della gara promossa dalla Ca Montemurlo e Fondazione “Cure2Children”, con il patrocinio e la collaborazione del comune di Montemurlo.

Una manifestazione dedicata quest’anno a Luca Castagnoli, atleta della CA e Stefania Peppicelli, volontaria della Fondazione Cure2Children, scomparsi prematuramente lo scorso anno.

«Un pomeriggio tra sport, divertimento, ma soprattutto solidarietà in memoria di due splendide persone che ci hanno lasciato veramente troppo presto», dice Mauro Nesi, presidente della Ca Montemurlo.

Nella foto l'assessore Forastiero con gli organizzatori della gara, Christian Giagnoni e Roberto Valerio della Cure to children
L’Assessore Forastiero con gli organizzatori della gara, Christian Giagnoni e Roberto Valerio della Cure to children

«Una gara aperta veramente a tutti, dagli amatori che sul circuito chiuso vogliono cercare un nuovo “record” di velocità (nell’ultima edizione il giro più veloce è stato fatto in 7,32 minuti con un media di 47 km/h), ai genitori che partecipano per fare un corsa con i propri figli, ma senza fretta.

«Non a caso è ammesso l’uso di tutti i tipi di bicicletta: dalle bici da corsa super accessoriate alla “graziella”, “la famosa bici della nonna” con il cestino, perché quello che è importante nella “Cure to children” è il motto stesso della manifestazione: “non conta il tempo che impieghi, ma il cuore che metti in questo tempo”».

Anche Christian Giagnoni, recente maglia rosa del Giro d’Italia handbike, ha voluto dare il suo sostegno alla manifestazione sportiva e al termine della crono coppie darà dimostrazione della sua determinazione e prestanza atletica esibendosi sul percorso di gara.

Christian Giagnoni
Christian Giagnoni, maglia rosa del Giro d’Italia

«La crono coppie Cure to children di sabato prossimo non è solo ciclismo, ma è soprattutto solidarietà. La presenza di Giagnoni poi vuol dare un messaggio di positività, un esempio di rinascita, nonostante le difficoltà.

«Per questo insieme a Christian stiamo cercando di portare una tappa del Giro d’Italia 2017 di handbike a Montemurlo – spiega l’assessore allo sport, Giuseppe Forastiero –. Partecipare sabato alla crono-coppie significa sostenere concretamente le attività della Fondazione Cure to Children, che si occupa della cura di bambini oncologici e con malattie del sangue nei Paesi emergenti.

«Per questo motivo chiediamo a tutti i montemurlesi di affrontare i disagi al traffico che si potranno verificare sabato prossimo con pazienza e tolleranza».

Tutto il ricavato della gara anche quest’anno, infatti, andrà a sostenere il reparto pediatrico dell’ospedale di Pristina in Kosovo attraverso la Fondazione “Cure to children” e il dottor Lawrence Faulkner, coordinatore medico scientifico del progetto.

Dal 2006 a oggi la Ca Montemurlo ha raccolto oltre 40 mila euro, che hanno permesso di ristrutturare il reparto attraverso l’acquisto di nuovi arredi, attrezzature mediche e diagnostiche e farmaci salvavita.

«La Ca Montemurlo è una delle prime associazioni che hanno creduto nella validità del nostro progetto e ci ha sostenuto fin dalla nostra nascita – spiega Roberto Valerio, genitore che fa parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione Cure to Children –. La Fondazione esporta nei paesi emergenti un tipo di “sanità sostenibile” con protocolli medici adattati alla realtà locale.

La locandina 2016 della cronocoppie
La locandina 2016 della cronocoppie

«Non ci sostituiamo ai medici, ma portiamo loro le nostre conoscenze e competenze tecniche e scientifiche, affinché possano andare avanti da soli. In Kosovo, ad esempio, abbiamo curato e assistito 347 bambini con una spesa di appena 147mila euro, che in Italia servirebbe appena per assistere un solo bambino oncologico».

LA GARA

Il percorso della crono coppie è di 6,1 km e si svilupperà da via Montalese, via Labriola, via Nuova Montalese, via provinciale 78, via Novara, via Udine, via Montalese e arrivo.

Il servizio sanitario è affidato alla Misericordia di Oste, le moto staffette sono a cura di Moto Guzzi Prato e Motociclisti pistoiesi, mentre il servizio agli incroci è della protezione civile di Agliana.

Sponsor della manifestazione sono la Tecnogiochi e Orientalcaffè. La competizione è aperta a tutti e il ritrovo è previsto alle 13:30 alla sede della Ca Montemurlo (via Montalese, 569).

Per saperne di più e per iscrizioni mail: camontemurloasd@gmail.com oppure telefono: 348 5107921 Mauro Nesi o 320 7686546 Filippo Gronchi.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento