montemurlo. DA DOMANI LA CONSEGNA DEI PRIMI VENTI BUONI SPESA PER FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ

Stamani il sindaco Calamai ha ritirato i buoni stampati alle Grafiche Votino e, insieme agli assessori, ha controfirmato 750 buoni per un valore di 15 mila euro. Domani 4 aprile le prime venti persone che hanno presentato domanda saranno chiamate al Centro operativo di protezione civile per il ritiro dei buoni spesa
La giunta con i buoni spesa

MONTEMURLO. Il Comune di Montemurlo si è mosso con celerità e già domani mattina, sabato 4 aprile, partirà la consegna dei primi venti buoni spesa, rilasciati dall’amministrazione alle famiglie in difficoltà a causa delle conseguenze del Coronavirus. Il sindaco Simone Calamai stamattina ha ritirato presso le Grafiche Votino di via Milano, che si stanno occupando della stampa, i primi 750 buoni spesa per un controvalore di 15 mila euro.

Il sindaco Calamai e tutti gli assessori della giunta sono stati impegnati a controfirmare i buoni spesa che già domattina saranno distribuiti alle famiglie che hanno fatto richiesta. Durante il primo giorno, infatti, sono state presentate venti domande. L’istruttoria è stata veloce e già domani gli aventi diritto saranno chiamati al centro operativo della protezione civile comunale di via Toscanini per ritirare i primi buoni.

« Montemurlo risponde in tempi record all’esigenze delle famiglie in difficoltà, che già domani potranno ritirare i buoni spesa e acquistare così i generi di prima necessità- —spiega il sindaco Simone Calamai —

Il sindaco Calamai vidima un buono spesa

Inoltre, attraverso i buoni donazione l’amministrazione comunale darà la possibilità a tutti i cittadini di poter contribuire al fondo dei buoni spesa per aiutare chi è in difficoltà. I

n queste ore stiamo raccogliendo le adesioni dei supermercati e dei negozi che accettano i buoni spesa ed ancora una volta invito tutti i commercianti di Montemurlo del settore alimentare e le farmacie ad aderire all’iniziativa».

Sul sito del Comune di Montemurlo (www.comune.montemurlo.po.it) si trovano tutte le informazioni .

Il valore del buono di solidarietà alimentare è definito sulla base del numero dei componenti del nucleo familiare; hanno la priorità le famiglie con figli minori, le persone sole e i nuclei con a carico portatori di disabilità certificata.

L’importo erogabile a ciascun nucleo familiare è così definito: nucleo composto da una persona 100 euro; nucleo composto da due persone 200 euro; nucleo composto da tre persone 300 euro ;nucleo composto da quattro persone 360 euro; nucleo composto da cinque o più persone 420 euro.

[masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email