montemurlo. DEIEZIONI CANINE, APPELLO DELL’ASSESSORE VIGNOLI AD UN MAGGIOR SENSO CIVICO

La-cacca-del-cane-va-raccolta

MONTEMURLO. Nell’ultimo periodo il Comune di Montemurlo sta riscontrando un aumento di deiezioni canine su marciapiedi, strade e giardini. Purtroppo, la cattiva abitudine di alcuni proprietari di cani di non raccogliere le deiezioni dei propri amici a quattro zampe, è difficile da stroncare.
Per questo l’assessore all’ambiente del Comune di Montemurlo, Alberto Vignoli, interviene facendo appello ad un maggior senso civico: « Raccogliere gli escrementi dei cani è un obbligo dei proprietari per garantire la buona convivenza, la qualità della vita e il decoro della città.

Non raccogliere le deiezioni canine è un gesto deprecabile, che fa male all’ambiente e denota mancanza di rispetto e responsabilità verso il prossimo».

L’assessore Vignoli invita poi a riflettere sulle difficoltà che trovano particolari categorie di utenti della strada, che per sbaglio pestano le cacche abbandonate sui marciapiedi: « Quella leggenda che calpestare le deiezioni porta fortuna, non ha alcun fondamento e l’unica certezza è il fastidio provocato a chi inavvertitamente la calpesta.

L’assesore Alberto Vignoli

Il fastidio del pedone che deve poi pulire le scarpe, ma il disagio ancora peggiore del diversamente abile che si ritrova le ruote della sua sedia a rotelle imbrattate a causa delle maleducazione altrui».
Per questo motivo il Comune di Montemurlo sta pensando ad un incremento dei controlli, magari in borghese, per cercare quanto meno di ridurre il fenomeno degli abbandoni degli escrementi. «Stiamo monitorando la situazione e con la nostra Polizia Municipale sanzioneremo chi non adempie all’obbligo di raccogliere le deiezioni canine», prosegue Vignoli.
Anche perché chi non raccoglie gli escrementi del proprio cane rischia una multa da 170 a 510 euro.

Inoltre, come previsto dal regolamento comunale sugli animali, le sanzioni andranno a colpire anche chi porta fuori il cane ma non ha con sé paletta e sacchetti per raccogliere le deiezioni.

In questo caso si rischia una multa da 25 a 75 euro.

«Gli animali sono amici straordinari, ma è necessario adoperare alcuni accorgimenti sia per la loro tutela che per una serena convivenza con i vicini di casa e con gli altri cittadini. È intenzione del Comune nei prossimi mesi organizzare dei momenti formativi per trasmettere una sorta di bon ton tra i proprietari di cani e animali domestici, evitando così fastidi e fraintendimenti».

[masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email