montemurlo. DIECI NUOVI OCCHI ELETTRONICI A COMPLETAMENTO DELLA RETE DI VIDEO SORVEGLIANZA

Il Comune ha partecipato al bando promosso dal Ministero dell’interno per l’estensione degli impianti di videosorveglianza urbani. Valore dell’intervento 85 mila euro. Intanto l’azienda “Dimensione Sicurezza” di Bagnolo ha donato al Comune tre telecamere, che amplieranno ancor più la rete di video sorveglianza cittadina

MONTEMURLO. Maggiore sicurezza e tranquillità per gli abitanti e gli imprenditori che operano nella zona industriale di Montemurlo. Il Comune, infatti, ha partecipato al bando, promosso dal Ministero dell’Interno, per l’estensione degli impianti di video sorveglianza in ambito urbano attraverso l’installazione di dieci nuove telecamere. Il valore economico dell’operazione è pari a 85 mila euro, che sarà finanziato per 30 mila euro da fondi comunali e per i 55 mila euro rimanenti dai finanziamenti ministeriali, che il Comune auspica di ottenere in toto.

Se tutto andrà per il meglio, dunque, i lavori di installazione e collegamento delle nuove telecamere di videosorveglianza saranno eseguiti nel 2021 e in totale porteranno a 44 il numero di occhi elettronici presenti sul territorio, 47 se aggiungiamo le tre telecamere IP, comprensive di installazione e programmazione, donate recentemente al Comune da parte della ditta CSG Dimensione Sicurezza di via Lippi a Bagnolo.

«Speriamo di ottenere il finanziamento ministeriale, che ci consentirà di ampliare ancor più la rete di videosorveglianza sul territorio, infrastruttura fondamentale per poter garantire una maggior sicurezza e una migliore qualità della vita dei cittadini. — commenta il sindaco Simone Calamai —Un altro tassello degli interventi promossi dall’amministrazione per la sicurezza urbana, al quale recentemente si è aggiunto il servizio della polizia di prossimità che porta il Comune tra la gente e consente di raccogliere direttamente dai cittadini segnalazioni e problematiche».

La domanda del Comune al bando ministeriale arriva a seguito della firma del patto per la sicurezza urbana tra la Prefettura di Prato e l’amministrazione comunale di Montemurlo per la promozione di azioni di prevenzione e contrasto ai fenomeni di criminalità e per la promozione del decoro urbano.

Le nuove dieci telecamere saranno installate in sette aree individuate dal Comune: in piazza della Libertà, in via di Morecci nei pressi della scuola primaria A. Manzi, in piazza della Costituzione, nel giardino Piccolo Principe, nel giardino Erasmo Meoni di Bagnolo, in piazza Castello alla Rocca e presso le aree esterne al cimitero comunale di Rocca.

«Le telecamere andranno a presidiare ulteriormente luoghi sensibili del nostro territorio come appunto il cimitero della Rocca, che in passato è stato oggetto di furti e deprecabili gesti di vandalismo», conclude il sindaco Simone Calamai.

La videosorveglianza inoltre va a integrarsi con il sistema di riconoscimento targhe, gli otto varchi posti agli ingressi della città, che potenziano e migliorano la copertura e il tracciamento delle situazioni di criticità.

[masi —comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email