montemurlo. FLORA CECCHI, 94 ANNI, GUARITA DAL COVID SCRIVE A MEDICI E INFERMIERI PER RINGRAZIARLI

Anaide e Flora

MONTEMURLO. Flora Cecchi, 94 anni, è una delle montemurlesi che hanno lottato in questi mesi bui contro il Coronavirus e che per fortuna sono riuscite a guarire e a tornare all’affetto dei propri cari. Pochi giorni fa è rientrata nella sua casa, accolta da parenti e amici come una vera star, ma nonna Flora non dimentica quello che ha passato e soprattutto non dimentica l’impegno e l’affetto di medici e infermieri, che l’hanno curata e assistita durante quei giorni di malattia.

Così Flora ha deciso di prendere carta e penna e scrivere poche righe ma cariche di affetto e gratitudine. Flora ha voluto dire “grazie” a chi l’ha salvata. La scrittura è indecisa ma le parole, vergate in una calligrafia che riporta indietro nel tempo alla scuola dei primi del Novecento, quella di penna e calamaio, sono cariche di significato.

Il messaggio dice così: «Cecchi Flora ho 94 anni ho fatto 40 giorni di ospedale e mi hanno salvata. Ringrazio tanto tanto! Dottori e Infermieri! Vero l’ospedale di Prato è come il giglio fiorisce un giorno più dell’altro. grazie».

Il biglietto scritto da Flora Cecchi

Flora, infatti, ha voluto paragonare l’ospedale di Prato ad un giglio, la cui fioritura diventa ogni giorno sempre più bella. A trasmettere il bigliettino alla direttrice dell’ospedale di Prato, Daniela Matarrese, ci ha pensato il sindaco del Comune di Montemurlo, Simone Calamai, che sottolinea: « Flora è conosciuta e amata da tutti a Montemurlo. Per me è stato un vero piacere poter inviare all’ospedale il suo ringraziamento al personale medico e infermieristico.

Le sue parole, semplici e schiette, esprimono bene la gratitudine di tutti noi verso quelle persone che non hanno mai smesso di lavorare e di rischiare la propria vita per gli altri. Dunque anch’io mi associo alle parole di Flora e mando il mio ringraziamento a tutto il personale dell’ospedale di Prato che davvero in questi mesi con tenacia e dedizione ha permesso che non sfiorisse mai la speranza».

Flora Cecchi è una donna di tempra, un vero personaggio a Montemurlo. Solo sei anni fa prese parte, insieme all’amica Anaide Castellani, al film di Luca Miniero “ La scuola più bella del mondo” a fianco di Rocco Papaleo e Christian De Sica.

[masi — comune di montemurlo]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email