montemurlo. IL COMUNE CHIEDE RISORSE AL CONI PER AMPLIARE GLI IMPIANTI SPORTIVI

SPORTEPERIFERIE
Dal sito del Coni

MONTEMURLO. Il Comune di Montemurlo ha partecipato al piano “Sport e Periferie”, promosso dalla presidenza del Consiglio dei Ministri tramite il Coni, ed ha presentato cinque proposte di intervento su alcuni impianti sportivi comunali.

Nello specifico, al campo sportivo A. Nelli l’amministrazione ha chiesto il finanziamento per la riqualificazione edilizia degli spogliatoi e la creazione di nuovi campetti da gioco e da allenamento. Al palazzetto dello sport di via del Pantano a Oste, invece, la richiesta riguarda la possibilità di creare una struttura sportiva polivalente nell’area esterna alla palestra con copertura tensostatica e collegata all’edificio sportivo da un passaggio riparato.

Stesso discorso per il centro sportivo “Nesti” di via Micca a Bagnolo, dove l’amministrazione spera nel finanziamento del Coni per realizzare un nuovo campo da beach volley, con misure adeguate agli standard di gioco internazionali, coperto da un “pallone” simile a quello che già protegge i campi da tennis e da calcetto. Infine, l’amministrazione ha chiesto di poter rifare la pavimentazione della palestra della scuola di Morecci.

L’Assessore Simone Calamai
L’Assessore Simone Calamai

“Si tratta di interventi di diversa entità, anche economica, ma tutti importanti perché, oltre alla finalità prettamente sportiva, hanno un forte valore di aggregazione sociale, soprattutto per i giovani – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Simone Calamai –. Potenziare i nostri impianti, sui quali l’amministrazione costantemente investe in sicurezza e manutenzione, significa promuovere il benessere fisico e dare più possibilità di praticare sport, combattere fenomeni di disagio sociale e fare integrazione”. Inoltre, il potenziamento degli impianti sportivi rappresenta un segno di attenzione dell’amministrazione comunale verso tutte quelle associazioni sportive che lavorano per promuovere lo sport come fattore di crescita, rispetto reciproco e inclusione sociale.

La legge, che ha previsto il Fondo Sport e Periferie, ha stanziato 100 milioni di euro nel triennio 2015-2017, di cui 20 milioni nel 2015,50 milioni di euro nel 2016 e 30 milioni di euro nel 2017. Tra le varie finalità del Fondo ci sono la costruzione e la rigenerazione di impianti sportivi con destinazione all’attività agonistica nazionale, localizzati nelle aree svantaggiate del Paese e nelle periferie urbane e il completamento e l’adeguamento di impianti sportivi esistenti.

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento