montemurlo. IL COMUNE IN VISITA ALLA 46ESIMA BRIGATA AEREA DI PISA

Nella foto, la delegazione con il tenente colonnello Gianluca Pannullo

MONTEMURLO. Ieri, giovedì 27 luglio, il comune di Montemurlo, rappresentato dall’assessore Giuseppe Forastiero, ha fatto visita al secondo gruppo della 46esima Brigata aerea di Pisa, formazione di cui facevano parte il maggiore Carlo Stoppani, il tenente Paolo Dutto e il maresciallo Cesare Nieri, scomparsi l’8 gennaio del 1992 nella strage aerea sul monte Javello.

«Nonostante siano trascorsi ben 25 anni da quei tragici avvenimenti, Montemurlo e il secondo gruppo della 46esima Brigata sono ancora legati da un forte legame di amicizia e solidarietà. – dice l’assessore Forastiero — Ogni anno l’aeronautica partecipa alle celebrazioni in ricordo del disastro aereo al parco della pace di via Deledda, dove si trova il cippo in ricordo delle vittime, e dunque oggi abbiamo ritenuto importante ricambiare l’amicizia e la solidarietà da sempre dimostrata dalla 46esima Brigata».

Un momento della visita alla base aerea e al reparto volo

Insieme a Forastiero erano presenti il presidente del nucleo di Montemurlo dell’associazione “Arma aeronautica”, Meraldo Cipriani, il comandante della polizia municipale, Gioni Biagioni, l’ispettore Stefano Melani, l’ex comandante della Polizia municipale di Montemurlo, Romano Pronti, Romano Mungatti in rappresentanza dell’associazione Carabinieri in congedo di Montemurlo e l’assessore alla cultura del comune di Montale, Alessandro Gherardini.

La delegazione è stata accolta dal comandante del secondo gruppo volo, il tenente colonnello Gianluca Pannullo, e dopo una visita alla base aerea e al reparto volo, si è svolto l’incontro con il nuovo comandante della 46esima brigata aerea di Pisa, Girolamo Iadicicco.

[ masi — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento