montemurlo. IL CONVEGNO SUI GRANI ANTICHI APRE LA FESTA DEL GRANO 2018

L’appuntamento stasera venerdì 8 giugno alle ore 21 al Centro Giovani. Nel fine settimana si potrà visitare l esposizione di attrezzi agricoli e materiali legati al mondo contadino
Un campo di grano

MONTEMURLO. A Montemurlo ritorna la “Festa del Grano”, promossa dall’amministrazione comunale con il gruppo trekking “La storia camminata”, un’occasione per riscoprire le antiche tradizioni contadine ma anche per riflettere e conoscere le qualità nutrizionali dei grani, in particolare di quelli antichi.

Le iniziative di questa nuova edizione della festa si aprono stasera venerdì 8 giugno ore 21 al Centro Giovani (piazza Don Milani, 3 ) con la conferenza “Pane, farina e grani antichi”.

Interverranno Giovanni Belletti, professore ordinario del dipartimento di scienze per l’economia e l’impresa dell’Università di Firenze, e Paolo Colzi dell’associazione “Gran Prato”.

La conferenza sarà preceduta da un’apericena con pane e prosciutto, pane burro e acciughe, schiacciata e mortadella, pane e vino.

Inoltre fino al 10 giugno, sempre al Centro Giovani, si potrà visitare la mostra sul “mondo contadino” con l’esposizione di vario materiale legato alle attività agricole in particolare al ciclo del grano, dalla semina alla trebbiatura.

Sarà anche in vendita la farina integrale e biologica della “battitura” 2017” della festa del grano. Sempre domani sabato 9 giugno si svolgerà la premiazione del concorso fotografico “Natura e uomo sul territorio”, ideato dal gruppo fotografico “Zoom Zoom” in collaborazione con l’istituto comprensivo Margherita Hack di Montemurlo.

Una edizione passata della festa del grano

« La festa del grano ci riporta alle radici contadine di Montemurlo. Fino agli anni Cinquanta, infatti, sotto la Rocca vivevano tremila persone dedite prevalentemente all’agricoltura — spiega l’assessore alla cultura, Giuseppe Forastiero — Inoltre, la festa del grano ci offre sempre l opportunità per approfondire e riflettere con professionisti qualificati gli aspetti più rilevanti di un’alimentazione sana, dove il chilometro zero e la riscoperta delle colture tradizionali stanno rivestendo un’attenzione sempre maggiore da parte di imprese e consumatori».

Il programma della festa del grano prosegue sabato 23 giugno ore 8 con la mietitura con falce a mano in via Borgoforte (zona lago di Bagnolo), mentre giovedì 28 giugno alle ore 21 in piazza della Libertà si terrà l’iniziativa “Balli sull’Aia per rievocare l’attesa”, danze storiche e popolari a cura del Gruppo Storico di Montemurlo e del gruppo folkloristico “La quadriglia”.

Venerdì 29 giugno, dalle ore 18 alle 24, ai giardini Rita Levi Montalcini di via Rosselli a Montemurlo si rinnoverà il rito antico della battitura del grano con stand di antichi mestieri e il laboratorio didattico “Dal grano ai maccheroni”. La serata alle ore 21 sarà allietata dal concerto della banda “G. Verdi” di Montemurlo.

Il ristoro della serata sarà curato dalla Filiera Corta con i salumi, trippa e lampredotto dei Fratelli Cecchi e i vini di Carmignano della fattoria Le Ginestre di Francesco Damiani. Infine, il programma si chiude sabato 30 giugno ore 9 con la passeggiata “Di granaio in granaio” a cura di Cinzia Menichetti per l’associazione “Il Borgo della Rocca” con degustazione finale e la cena della battitura ad Albiano. Per maggiori informazioni sul programma e per prenotazioni Romana telefono 347 9254397 e Cinzia telefono 347 1933742

Ai vari eventi collaboreranno Filiera Corta, Gruppo Storico di Montemurlo, associazione Capitombolo, Avis, Filarmonica G. Verdi, associazione Borgo della Rocca, Gruppo fotografico Zoom Zoom, Croce D’Oro, Circolo Arci M. Tamare.

[masi— comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento