montemurlo. IL CORDOGLIO DEL SINDACO CALAMAI PER LA SCOMPARSA DI SERGIO MARI

Cittadino montemurlese fin dagli anni Sessanta, Mari è stato partigiano della Brigata Buricchi attiva a Javello e Albiano. Calamai: “Ricordo la sua grande umanità e il suo impegno per trasmettere il valore della memoria della Resistenza ai giovani”

Sergio Mari

MONTEMURLO. Il sindaco Simone Calamai e tutta l’amministrazione comunale di Montemurlo si stringono in segno di cordoglio alla famiglia di Sergio Mari, scomparso ieri, 2 dicembre, all’età di 94 anni, ex partigiano della Brigata Buricchi, insignito nel 2016 della Medaglia della Liberazione. «È davvero difficile dover dire addio a Sergio Mari, un uomo di grande umanità che ha portato avanti per tutta la vita i valori della Resistenza, della lotta per la libertà e la democrazia. Una persona intelligente, attenta, con la quale era sempre interessante confrontarsi. — dice il sindaco Simone Calamai — Non posso non ricordare il suo impegno a favore della memoria. Non si è mai tirato indietro quando c’era da parlare con i ragazzi delle nostre scuole, ai quali ha raccontato con passione la sua esperienza di giovane partigiano, conquistando l’interesse di intere platee. Con Sergio Mari se ne va un pezzo della nostra storia. Sta oggi a noi continuare a portare avanti quei valori nei quali lui ha sempre creduto con forza».

Pur essendo originario de La Briglia (Vaiano), Sergio Mari era residente a Montemurlo dagli anni Sessanta, dov’era molto conosciuto e apprezzato da tutti. La sua storia di impegno nella Resistenza d’altronde è strettamente collegata al territorio di Montemurlo e in particolare ad alcuni luoghi simbolo della Lotta di Liberazione come la Fattoria di Javello, che durante gli anni della guerra, fu un riparo sicuro per i partigiani in fuga ed ad Albiano che, tra il 1943 e il 1944, fu scelto dai ricercati anti-fascisti come rifugio.

Albiano, inoltre, fu punto di raccordo tra i partigiani, che avevano base ai Faggi di Javello e il Comitato di Liberazione Nazionale con sede a Prato nel convento di San Niccolò. Tra i giovani che tenevano i contatti tra Albiano e il Comitato di Liberazione di Prato c’era anche il giovane Sergio Mari, staffetta della brigata partigiana Bogardo Buricchi.

Mari si è sempre impegnato per trasmettere alle nuove generazioni la memoria della lotta contro il nazi-fascismo e i valori della Resistenza. La figura di Sergio Mari si collega poi a quella di un altro uomo della Val Bisenzio, anch’esso de La Briglia, Angiolo Menicacci, amato sindaco di Montemurlo dal 1951 al 1970. Menicacci fu una figura di riferimento per la formazione politica e di impegno civile di Mari.

[mari — comune di montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email